www.baskaru.com
karu:2 - Pirandèlo - Pirandèlo Suona
News Releases Artists Distribution Shop Contact Links
PIRANDÈLO - PIRANDÈLO SUONA

Reviews



Autres Directions (FR) - July 2005
Text by Stéphane
http://www.autresdirections.net/article.php3?id_article=642

On ne l'avait pas vu venir, ce jeune label français, et aujourd'hui on s'étonne encore de notre aveuglement. Baskaru. Pourtant, on aurait dû sans doute, car la structure est régie par l'initiateur de XstreamRadio, la plus passionnante des web-radios françaises.

Bref, Baskaru fonctionne pour le moment par le biais de collaborations inter-labels. Suite à un disque de Pyo qu'il devrait partager avec le label portugais Grain Of Sound (pas encore sorti/annulé ?), voici que Baskaru s'associe à l'italien DSP Recordings pour publier le premier essai discographique du trio musique/photo/vidéo Pirandèlo. L'idée de ce projet est née de la rencontre des artistes Andrea Gabriele (ex Mou, Lips ! et ex-Tu M'), du vidéaste Claudio Sinatti et de la photographe et écrivain Marita Cosma. Et finalement, sur ce disque, c'est à trois qu'ils signent la musique, car celle-ci s'est nourrie d'images, de textes et de vidéos, autant que la vidéo a du se nourrir des autres médias et inversement. A l'écoute évidemment, ne subsiste que le témoignage sonore de cette interaction créatrice, et c'est sans doute le seul reproche que l'on fera véritablement à ce disque, de n'être qu'un disque. Pour le reste, Pirandèlo Suona est une oeuvre bien chaleureuse où le grain sonore de nombre d'instruments (guitare, basse, clavier, piano, voix...) est retravaillé à l'ordinateur pour offrir une laptop music aux accents de post-rock. De quoi rassembler les fans de Mou, Lips ! et d'artistes comme Fonica ou Kaney & Joory. Juste un regret : que le travail littéraire n'ait pas donné une plus grande préoccupation à la voix de Marita Cosma, à son insertion dans l'univers sonore ou simplement aux textes.


Ultrasonica (IT) - July 2005
Text by Urbanspaceman
http://www.ultrasonica.it/modules/lykos_reviews/index.php?op=r&rev_id=145&cat_id=1

Chi bazzica il mondo di Internet, le 'autoproduzioni', le Label sotterranee (Underground se vogliamo riempirci la bocca di termini anglofoni...), i festival di confine.. quelli 'per pochi', i pochi che riescono a reggere la pesante palbabilità di questo genere di musica, fuori da schemi prestabliti dal dictat delle major, avranno già sentito parlare di Andrea Gabriele, musicista tutto italiano che nel corso degli anni, attraversando fasi di sperimentazioni diverse con moniker diversi (Tu M', Mou, Lips!) e siglando importanti collaborazioni 'extra italiane' con label ed artisti (Grain of Sound, Baskaru, Dorodine...), si è creato una nicchia nel panorama sperimentale italiano partecipando a quasi tutti gli eventi indissolubilmente legati alla scena elettronica italiana (NetMage, Sintesi, Dissonanze), quell'elettronica che per qualche motivo e probabilmente per fortuna, riesce ancora a rimanere nell'ombra conservando quell'indipendenza che mantiene viva la creatività di certi Artisti. Tornando al disco, nove episodi legati ad un filo lungo poco più di 35 minuti durante i quali vengono create sonorità ambient, intrecci pseudo Lounge con voci quasi sussurrate che rimangono velate, brani suonati con strumenti veri, chitarre, bassi, turntables e rumors campionati qua e là, ed elaborati, stravolti, pochi acenni di 'melodia' ma ben incasellati tra le ritmiche oblique ed i fields recording. Per questa co-produzione siglata Dsp-Recs e Baskaru, rispettivamente Italia e Francia, Pirandèlo è affiancato, e purtroppo dal cd non ne percepiamo la presenza, dalla fotografa Marita Cosma e dal 'video-maker' Claudio Sinatti (vincitore al PIM nel '96 come miglior video per i Casino Royale). Ascoltatelo ad occhi chiusi...
Mentre scrivo questa recensione, leggo sul sito Pirandelo.org che l'album è Sold Out... Il consiglio è quello di andarvi comunque ad ascoltare alcune tracce di Pirandèlo nella sezione Free Release, con un occhio e sopratutto un orecchio di riguardo alla "Pregnant Series"!...


Igloo Mag (US) - April 2005
Text by TJ Norris
http://igloomag.com/doc.php?task=view&id=1002&category=reviews

A steely wash of concave stringed instruments warped in time. As the foreground is a love torn droney melodious sorta theme, the background is filled with Christmas bells, loud fun, sorta like two discreet parties at once. Hiss n' sizzle all the way along, with playful toy-like clamor.
On "Pirandèlo Suona", Pirandèlo (Andrea Gabriele) has developed an indefinable signature sound that weaves noise, techno and some funky underpinnings into a frappe of bright spots.
"Play with Sand, Like Children (do)" has an open, free-spirit that guides you through a web of beaded curtains and post-Barney flaky, bubble gum melodies. This is a thinking man's record, with crusty edges and warm insides.


Sonhors (FR) - April 2005
Text by Coltraz
http://sonhors.free.fr/kronik/pirandelo.htm

Brouillant les notions de territorialité et de frontières, Pirandèlo Suona est le tout premier opus de Pirandèlo, un collectif italien composé de Andrea Gabriele (ex Mou, Lips! et fondateur du Weblabel Tu' m), de la photographe et écrivain Marita Cosma et du vidéaste Claudio Sinatti. Nourrie de l'interaction entre ces différentes disciplines (bruit, récit, images), la synergie au sein du trio multimedia fonctionne à merveille et donne à entendre neuf structures originales terriblement attachantes. Atypique et structurée, l'armature musicale de Pirandèlo se situe quelque part entre electronica avant-garde, glitch ambiant, post-rock et musique électronique abstraite.

Composés, retraités ou déconstruits via les technologies de l'informatique musicale et du traitement numérique, les sons cristallins se déploient dans une harmonie, une quiétude et une mélancolie déconcertante. Ces quelques 35 minutes de bruits chuchotés et de mélodies douces s'apparentent à un récit cinématographique hétérogène décomposé en neuf paysages successifs révélant toute l'émotivité musicale du nouveau trio d'Andrea Gabriele, l'épine dorsale de l'esthétisme Pirandèlo.

Au sein de Mou, Lips! Andrea Gabriele a collaboré avec Janek Schaefer, Günter Müller ou encore Werner Dafeldecker : cela n'étonnera pas l'auditeur, attentif aux différents traitements du spectre sonore. De même, la filiation avec certains travaux de Christian Fennesz, Mouse on Mars, SND, Oval ou les similitudes avec les explorations intenses de Mitchell Akiyama semble évidente. Un disque total qui recèle une multitude de textures bienfaisantes et thérapeutiques. Un collectif à surveiller de près, dernière production du tout jeune et prometteur label Baskaru [...]

En 2005, Pirandèlo se produit lors de performances et installations multimédia, en Italie et dans le reste de l'Europe.


Ich Hasse Die Media (ES) - April 2005
Text by Culocranky
http://www.ichhassediemedia.com

Pirandèlo es el proyecto de Andrea Grabiele (también en Mou, Lips!), Claudio Sinnati y Marita Cosma. Instrumentos acusticos laptopizados al estilo glitchy, aires de pop randomizado con regustillo jazzy y cierto saborcete pastoral entre olas de electrónica más abstracta y exploradora. Nueve temitas que gustarán a los amantes del pop contemporáneo y de las indagaciones computerizadas. Creo que es un colectivo audivisual o algo así, pero sólo he escuchado el cd, eh. Aquí me quedo escuchándolo mientras llega el "Untree" de Mou, Lips!. Suona, suona.....


Gonzo Circus (BE) - April 2005
Text by Peter Deschamps
http://www.gonzocircus.com

[...] Pirandèlo kiest in het openingsnummer voor een meer toegankelijke aanpak, maar glijdt zacht, zelfzeker de andere richting uit. Hun digitale geluid gijzelt de analoge klanken, gebroken elektronica en glitch voeren de boventoon. In "Life Could Be Beauty Enough" drijft een fluittoon boven. Alles is in harmonie, luisteren is kijken en kijken is luisteren.


Kathodik (IT) - April 2005
Text by Vittorio Marozzi
http://www.kathodik.it/modules.php?name=Reviews&rop=showcontent&id=1624

Finalmente in uscita il primo album dell'ensemble Pirandèlo, progetto nato dalla volontà di 3 artisti: Marita Cosma, Andrea Gabriele e Claudio Sinatti, da tempo ormai impicciati con la materia calda dell'elaborazione digitale sonora e visuale. Un disco questo che, in primis, segna il definitivo distacco di Andrea Gabriele dall'alter ego Mou, Lips!, un distacco non indolore che lo porta a rileggere un suono trascendentale e allo stesso tempo molto attento ad immagini bucoliche e crepuscolari, un suono dalla marcata cifra ambientale, che si riappropria di molti degli stilemi Mou, Lips! e che, dove possibile, porta la ricerca verso una maggiore organicità e raffinatezza compositiva. Un suono caldo ed avvolgente, melodico, crepitante nella sua natura analogica, stimolante nel suo sviluppo digitale. 8 tracce in totale per una durata complessiva di oltre 35 minuti che vi daranno tranquillamente modo di metabolizzare il viaggio tra queste piccole galassie ricche di pianeti, di vita, di stelle, di colori e quant'altro. Si attende con trepidazione la performance live multimediale.


I-DBOX (IT) - April 2005
Text by Francesco Casuscelli
http://www.idbox.it/reviews/cd/BOX/review-4554

Ciò che colpisce subito di "Pirandèlo Suona" (ancor prima di inserire il cd nel lettore) è l'artwork: semplice e nel contempo curato, spartano ma con classe. I toni viola-rosa della copertina ben si adattano alla musica contenuta nel compact.
In "Pirandèlo Suona" certi territori ambient sono distanti, ma neppure così tanto.
Le nove sonorità elaborate lasciano parecchio spazio alla fantasia, alle divagazioni mentali. La musica dei Pirandèlo è doppio-formato: se la si ascolta a basse frequenze suggerisce percorsi onirici, se invece la si mette su ad alto volume, prende per mano e trascina verso lidi multicolore.
Insomma, ha forma e sostanza, anche se in alcuni passaggi tende ad essere un po' troppo ripetitiva, tende a specchiarsi oltre misura.
Il pezzo migliore? "Site specific falena". Perché? Perché riesce a condensare mistero e luce, oscurità e colori. Il suo incedere barocco affascina al primo ascolto.
In conclusione: album di elettronica sofisticata. Più da esposizione fotografica che da club. Destinato ad un pubblico che sa ciò che vuole, ma che sa anche ascoltare (e magari riascoltare) prima di tirare giù somme e produrre giudizi.


New York Alternative Paper (US) - March 2005
Text by John Long


Suona is the best headphone album of the year by far. Pirandèlo, from Pescara, Italy, is Andrea Gabriele, Marita Cosma and Claudio Sinatti. The three fuse music, video and photography to create, 'an organic and tangible abstraction of cinematic and synthetic narration'. Although the trio has spent the better part of this early year traveling through Europe performing multi-media shows, they have no immediate plans to travel to the states. So the closest we have to the Pirandèlo experience is Suona, which by definition is the 'sound' element of the collaborators.
Although all the audio is done by Andrea Gabriele, it is easy to hear the visual influence of Cosma and Sinatti within the album. This doesn't mean that the album works as a film score, but instead investigates audio using visual tactics. The music seems to rack-focus back and forth between images embedded within a landscape. As this movement is applied, certain moments repeat, colliding with others, creating new associations. There is a constant feeling of remembrance as well as possibility as the music wavers back and forth, never seeming to allow for the 'camera' to move, but allowing for what exists within the frame to adjust.
The album was created using software, classical guitar, electric guitar, electric bass, double bass, voices, keyboard, turntable, objects, and field recordings. The sound of instruments, modulated textures, voice and field recordings take turns in the foreground, as well as filling the landscape. What makes this album stand out how well crafted it is, allowing different sounds to take turns mimicking each other. A lot of the album works with evolving loops, mutating from instrument to instrument, or from hissy field recording to warm digital modulation.
I recommend listening to Suona on headphones. Depending on where I am, the album seems to take on new shapes, and certain sounds seem to stand out depending on the external stimuli.
If you are interested in this album, go to www.pirandelo.org. You can listen to excerpts of the album and see some of the visual work. You can purchase the album at; www.baskaru.com or www.dsprecs.com.


Stylus Magazine (US) - March 2005
Text by William S. Fields
http://www.stylusmagazine.com/review.php?ID=2866

[...] Playing Pirandèlo in, admittedly, my dead-of-night "live or die, man" morbid inter-navel-gazing mood reminded me that much of the abstractions I once heartily loved (and still do, but with more tired distance) in electronic music were due not to their difficulty, not to their formal (political) resistance, not for their research-fetishistic detachment (i.e. escape-in-academic-disguise) from the world of community-based music, but because it is music that still has a palette. Perhaps it is due to what the tyranny of 'Repeatable Success In The Boardroom' marketing demographics do to half our music (and how it taints 20% of the remaining), cutting out 88.9% of our tongues and leaving us all with a musical language as button-pushing, mute and mercilessly ugly and insulting as the tract-house lives we tried to cure with DIY punk. Sometimes I want a music that has grown-up vocabulary enough to express something I can't with my diabetic-fit crunk-pose-prose; an emotional landscape I can't see three feet out but move through willingly anyway because it rings true to the way I feel my own endorphins. [...]

Pirandèlo is an Italian electro-acoustic multimedia group composed of musician/sound designer Andrea Gabriele, Marita Cosma (Writer/Photographer), and Claudio Sinatti (Filmmaker). My Italian is non-existent and the English information available is scant. As much as I can tell the musical portion of what is presented as an audio-visual project is primarily the domain of Gabriele, who composed Pirandèlo Suono with software, double bass, acoustic and electric guitars (though the palette here is weighted towards the acoustic), keyboards, turntables, field recordings, and vocals (on four songs). Gabriele is a busy man. In 1998 he created the Italian label/online art project/web label Tu'm, and one half of Mou, Lips! and is a coordinating member of several active Italian electronic music and art organizations. Mou, Lips! have collaborated and appeared alongside Janek Schaefer, Günter Müller, Werner Dafeldecker, and was recently featured on a Wire magazine compilation alongside Scanner, Kim Cascone, Radian and Richard Chartier, et al.

This is an absolutely gorgeous collection of nine top-shelf tracks that fuse the best elements of Fennesz (cf. Fennesz Plays, Endless Summer), Oval (cf. "Wohnton"), Mouse on Mars (cf. "Idiology", the non-dance tracks) and Microstoria (cf. all of it) with a touch of late Town & Country (and the vocals, on the few tracks they surface, are beautifully rendered and organic to the musical settings without being either obtrusive or needlessly processed). The music is comparable to recent offerings by Apestaartje, The Books, and Mitchell Akiyama in the way it fuses acoustic instrumentation, vocals, field recordings, and meticulous computer re-workings of all of the above into coherent, painterly, and emotionally resonant compositions. Even though the record possesses the compositional logic of computer music (focused on the 'event' in a non-linear, drifting, cracking and peeling sort of way) it is a successful creole of laptop and folk (as opposed to the run-of-the-mill "folktronica" sampling games that seem lately to be sneezed out every other day). This music happens in clouds and clusters. However it's not all processing and Gabriele frequently resolves to carefully composed music concrete or acoustic guitars and penny whistles backed faintly by the rushing of processed field recordings. The results feel absolutely natural. Mother-nature natural. Whispering-to-you-in-bed-and-remembering-the- evening-news-while-passed-out-and- reconstrutcing-it-all-the-next-morning-in-a-big-fictional-rant-of-a-record-review kind of natural. And if the music is not representative of the way we hear the world exactly (and maybe this is all I've been trying to say) it is remarkably emotionally evocative of the way we (I) feel it.

A beautiful release well worth the extra-time it will take to track down and order online.


Neural.It (IT) - March 2005
Text by Aurelio Cianciotta
http://www.neural.it/rec/pirandelosuona.htm

Andrea Gabriele e Marita Cosma, insieme Mou, Lips!, ritornano con un nuovo progetto, s'aggiunge anche Claudio Sinatti e sotto il moniker Pirandèlo vengono opportunamente agitate tenui ma inquiete elettroniche, video, fotografia e scrittura. Composizioni alquanto astratte, rarefatte, ricche d'apporti attentamente modulati, risuonanti degli strumenti a corda, sollecitati con studiata perizia, o per mezzo d'un basso elettrico, avvolgenti, fra brandelli di voci e poesia. Metalliche onde che si rifrangono attraverso suoni di flauto, caute melodie, echi e riverberi digitali, presentati da questo combo per la prima volta dal vivo al Netmage 2005, bissati poi nel Piemonte Share Festival di Torino, a dar corpo così a suggestive pulsioni performative e multimediali. Ambientazioni scarne, oniriche, che riportano pure alle sperimentazioni d'origine elettroacustica, al real-time audio-video delle esperienze teatrali di post-avanguardia italiana degli anni ottanta, in un compendio di dati e idee assai prolifico. Nove le tracce, in totale oltre 35 minuti, nelle quali il giovane autore pescarese ed i suoi compagni di strada, evitano accuratamente le facili trappole della glitch music, dando prova d'ispirazione, ben articolando le sinestesie narrative scaturite nel confronto dei differenti codici espressivi.


Nim_Explorer (BE) - March 2005
Text by Nim
http://nim.over-blog.com/5-archive-3-2005.html

Pirandèlo est un tout nouveau projet monté autour de andrea gabriele (ex mou, lips! et fondateur de tu m' ), de la photographe marita cosma et du réalisateur claudio sinatti. Un détour par les sites de ces artistes laisse pantois tant la richesse de leurs travaux respectifs est grande. J'aurais la possibilité de faire 10 posts ! Leur premier album commun, ''pirandèlo suona'', mèle de très belle manière glitches, voix et instruments acoustiques retraités et déconstruits. Avec ''pirandèlo suona'', le trio italien est parvenu à construire une electronica aux accents pop et parfois freejazz qui va ravir les amateurs de davide balula. A noter que l'album sort dans un superbe packaging, et ce, sur deux labels: dsp (italie) et baskaru (france).
(nim)


Exibart (IT) - March 2005
Text by Marco Altavilla
http://www.exibart.com/notizia.asp/IDNotizia/12198/IDCategoria/211

E di Pescara il progetto Pirandèlo, ensemble audio/visivo, composto da Andrea Gabriele (ex Mou, Lips!), la fotografa Marita Cosma e Claudio Sinatti noto per le sua raffinata poetica visiva. I 35 minuti di Pirandèlo Suona (CD, Baskaru/Dsp) da un lato tendono ad elargire atmosfere melodiche e rarefatte, e per altro verso, riesce a svincolarrsi dall'annosa questione della tautologia espressiva della quale si accusa di recente la glitch music. L'eterogeneità è la cifra stilistica predominante del progetto, controllata e posata, adatta ad esprimere puntualmente la compartecipazione di elementi e strumenti musicali di diversa natura. Il processo compositivo riflette un trattamento ''pittorico'' del suono ricco di inaspettate epifanie che germinano lentamente e sono rese ancora più evocative dall'attento utilizzo della voce. Un mood ormai internazionale, quello del revisionismo e della normalizzazione del genere glitch di Markus Pop/Oval, oltre il quale i più giovani derivano un approfondimento maggiore della componente melodica, compositiva e timbrica. Le leve più recenti offrono, ad un ascolto attento, una serie di spunti interessanti sul quale lavorare e ragionare.


EAR/Rational (US) - March 2005
Text by Don Poe
http://www.ear-rational.com/detail.php?id=17431&searchparm=pirandelo&order=&offset=

''Pirandèlo Suona'' is a multiplicity of voices. Its personal style frees from a mere formality. Synergy between digital and analogic worlds creates original and essencial structures. An harmonic sound is made up of glitch, pop and jazz influences and destructured sounds. Nine tracks where whispered sounds, soft melodies and micro-flatters outline a world with its own spaces and times. The sound draws warm and candid (''onde scarlatte'') or crude and biting '('Aus mud'') atmospheres. The flute of ''Life could be beauty enough'' translates the vespertine sensations in beauty and harmony, not only aesthetic. The voice itself makes pure sound or creates a bridge between the daily life and its representation (''Disegno''). ''Pirandèlo Suona'' is a co-production between Dsp recordings and Baskaru.


Sands-Zine (IT) - March 2005
Text by Sergio Eletto
http://www.sands-zine.com/archiviorec.php?IDrec=328

Pirandèlo è il contenitore 'multiforme' che ingloba i relativi campi artistici sondati da Andrea Gabriele, Marita Cosma e dal video designer Claudio Sinatti. Fortunati gli avventori dell'ultima edizione del Netmage '05 in quel di Bologna che hanno avuto l'occasione di assistere alla performance incrociata tra suono, video e foto ma non di meno gli assenti (compreso il sottoscritto) che possono in parte colmare la lacuna con l'ascolto di questa prima release, co-prodotta dall'italiana DSP Recordings insieme alla francese Baskaru. Ed è subito fusione tra analogico e digitale, melodie e disturbi, elettronica ed acustica... Particelle musicali che inducono all'universo sonoro di Andrea Gabriele – Tu M', Mou, Lips! - affinato durante questi anni: elettro-glitch, jazz, buon gusto per le armonie pop accurate e complesse. Sberleffi glitch ( Onde Scarlatte ), introspezioni malinconiche ( Life Could Be Beauty Enough ), textures soniche diagonali ( … Et In Portum Ex Alto Invechi accompagnata al termine da uno smaliziato lamento di ocarina), loop morbidi e incastri armoniosi delle corde di marca fennesziana ( Rebus Malrisolto , Site Specific Falena dove, inoltre, si lascia riconoscere il suono soffuso di un contrabbasso). Il cantato / recitato di Marita Cosma in Disegno , inarcandosi tra oscillazioni ambient e micro-wave ridotta, si oppone alla crescita della materia in Aus Mud : track che imprigiona e frulla graffianti soluzioni dallo spessore rumorista e dal latente battito techno(ide). A concludere è la pioggia multicolore percussiva di Play with sand, like children (do) - Caldo, espansivo, eterogeneo il sound dei Pirandèlo può essere tranquillamente racchiuso nella presentazione stesa dagli stessi: "un contenitore di musica, fotografia, video e scrittura; il mezzo di un viaggio che parte da un'organica e tangibile astrazione fino ad una cinematica e sinestetica narrazione". Armonioso.


Basebog Magazine (IT) - February 2005
Text by Brendax
http://www.basebog.it/albumreview.asp?IDRecord=266&IDUtente=13

Prima coi tu m', poi in veste di Mou, Lips! con l'uscita per la List di Herve Boghossian dell'acclamato 'Peanuts and Shells Geometria', l'album di tributo all'insegnamento della musica concreta (ma anche il demo 'Untree' fu salutato come grande novità nello stivale), poi l'organizzazione del Peam - Pescara Electronic Artists Meeting, l'adesione ad Avatar41° e l'impegno editoriale con le etichette Maurice Soma e soprattutto DSP recordings. Un vortice di attività che quest'anno vedono Andrea Gabriele, insieme a Marita Cosma e a Claudio Sinatti, impegnato in un nuovo progetto multimediale, già presentato a Netmage'05. Dalla fascinazione per l'intricato appaiarsi di suono e immagine nasce un disco palpabile, che delle immagini riporta soltanto la suggestione. "Life could be beauty enough" è il titolo della seconda traccia di 'Pirandelo suona'. Elettronica sperimentale che prende le distanze da un certo formalismo, aperta a tutti gli stili disponibili, il jazz in primis, che hanno reso noto il lavoro di Mou, Lips! 'Pirandelo suona' è un album che può suonare quasi pop. Le voci filtrate ma intelligibili, i carezzevoli accordi di chitarra resi metallici dalla velocità ("Rebus malrisolto") e il flauto libero ("... et in portum ex alto invehi"), modulato come un vecchio rilevatore di onde radio analogico, sono alcuni degli artifici del deus ex machina abruzzese. Che, finalmente, esce fuori nella sua vera veste: quella di direttore d'orchestra più che di solista. Affezionato del basso elettrico, ama pizzicare gli strumenti a corda ma filtra e distorce ogni frequenza quando veste i panni dell'elettromane incallito. In questa vita bella a sufficienza per goderne a piene mani, ogni espediente può essere abbracciato. Addirittura le melodie, in passato sotterrate dallo spessore del flusso espressivo, passano in primo piano e si riconoscono nei richiami ad un folklore che sembra parlare della Pineta di Pescara. Suoni generosissimi e quasi femminili ('disegno'), scostati rispetto alla sperimentazione più concettuale di etichette tipo Line, Fallt o BiP HOp. 'Pirandelo suona' tende la mano a chi sa amare l'astrattismo e non prova disgusto di fronte a certa improvvisazione. Alog, Aphex Twin, Oval, Tortoise, e tutta una scena IDM in chiave elettroacustica a cui piace anche il silenzio possono servire da contesto. Per provare, riesce bene l'ascolto di 'Play with sand, like children (do)', canzone per risvegliarsi meravigliosamente mocciosi, con rumore bianco e fasci di elettroni a interferire per dispetto. Per vedere l'ensemble dal vivo, la data più vicina è quella di domenica 27 febbraio in occasione del Piemonte Share Festival di Torino.
(Brendax - www.basebog.it)


Blow Up (IT) - February 2005
Text by Nicola Catalano
http://www.blowupmagazine.com

Lasciata per strada a denominazione Mou, Lips! dopo la separazione da Emanuela De Angelis (gli ultimi scampoli della vecchia sigla sull'album ''Untree'', pubblicato proprio in questi giorni dalla francese Dorodine), Andrea Gabriele si ripresenta sotto le fattezze di Pirandèlo in collaborazione con Marita Cosma e Claudio Sinatti. Non che la nuova ragione sociale muti prospettiva e visione musicale del giovane autore pescarese alla luce del disco d'esordio, un rebus mal risolto - come suggerisce uno dei titoli più efficaci dell'album - di melodie malferme e slittanti su gentile ghiaia glitch, insistenti clic clac e giocosità fanta-etnologiche. Non resta che farsi ammaliare dai bisbigli di Site Spesici Falena o risucchiare nel gorgo flautato e quasi psichedelico (!) di Life Could Be Beauty Enough. (8)


Vital Weekly (NL) - February 2005
Text by Frans de Waard
http://www.staalplaat.com/vital_archive/461.txt

Pirandelo is a new Italian group around Andrea Gabriele of Mou, lips!, writer and photographer Marita Cosma and filmmaker Claudio Sinatti. Together they use software, guitars, bass, vocals and field recordings and the music should be seen as 'the medium of a journey that start from an organic and tangible astraction to a cinematic and synaesthetic narration'. Quite a mouthful for something that in my book sounds a glitch music. The traditional instruments are all warped, twisted, reconfigured and what else have you in the digital domain and it is served again in the form of slightly chaotic tunes, but of which an influence of pop, or even jazz can be noted. The nine tracks are indeed quite nice to hear, especially when some sort of vocal sip through the electronica, but on the other hand the paths taken by Pirandelo aren't exactely new. Influences of Fennesz, Oval or somesuch, albeit with maybe a little bit more poppy result, are clear traces here. No big deal, since Pirandelo has a nice debut album with this anyway. And I believe they take this on the road, adding live visual elements, so who knows: maybe soon in your area too.


MusicClub (IT) - January 2005
Text by Vittorio Marozzi
http://www.musicclub.it

Finalmente in uscita il primo album dell'ensemble Pirandèlo, progetto nato dalla volontà di 3 artisti: Marita Cosma, Andrea Gabriele e Claudio Sinatti, da tempo ormai impicciati con la materia calda dell'elaborazione digitale sonora e visuale. Un disco questo che, in primis, segna il definitivo distacco di Andrea Gabriele dall'alter ego Mou, Lips!, un distacco non indolore che lo porta a rileggere un suono trascendentale e allo stesso tempo molto attento ad immagini bucoliche e crepuscolari, un suono dalla marcata cifra ambientale, che si riappropria di molti degli stilemi Mou, Lips! e che, dove possibile, porta la ricerca verso una maggior organicità e raffinatezza compositiva. Un suono caldo ed avvolgente, melodico, crepitante nella sua natura analogica, stimolante nel suo sviluppo digitale. 9 tracce in totale per una durata complessiva di oltre 35 minuti che vi daranno tranquillamente modo di metabolizzare il viaggio tra queste piccole galassie ricche di pianeti, di vita, di stelle, di colori e quant'altro. Si attende con trepidazione la performance live multimediale.


UK Metro Newspaper (UK) - January 2005
Text by Mark Evans
http://ukmetro.co.uk

Avant-garde electronica is the modern equivalent of freeform jazz: spectacularly clever music, capable of transcending musical parameters and going wherever the artist takes it. It's music without the need for boundaries. Take Pirandèlo. The avant-garde exponents - Andrea Gabriele, Marita Cosma and Claudio Sinatti - fuse music, video and photography to create 'an organic and tangible abstraction of cinematic and synthetic narration' as they go about their journey through music's barriers. Sounds complicated. 'Well, to some, it might even seem stupid,' says Gabriele, in a heavy Italian accent. 'But I play my music because I need to listen to it and because I can't find it anywhere else. I'm not saying I'm the only one that can do it - I can listen to Mouse On Mars, or Hypo, or Sun Ra. But I get bored and need to make something new for my ears.' Pirandèlo met thanks to Avatar41°'s, an electronic artist network, based mainly in Naples. 'We made our first live show together as Mou, Lips! plus Sinatti,' explains Gabriele. 'Claudio and me played live and Marita took snapshots.' Cosma's Nikon became a constant presence during the shows; her shots were projected over the live performance, alongside moving images on the groupís diaprojector - a sort of computerised slide show - as the trio moved on to their next stage. 'We all felt the need to start something new together, trying to include all the elements we'd been using - music, video, photography and narration - and now, with Pirandèlo, we've realised that we can do that.' The end product is a 'live movie' - images and music performed in real time, live on stage. 'We are a mix-media band' states Gabriele. 'This style of music requires the same attention as a movie - the images that we create help to enjoy the listening, and the music helps the enjoyment of the videos.' The band's first album, the eponymous Pirandèlo, is strictly an underground title; available thanks to collaboration between French label Baskaru and Italian DSP recordings. As the band set off on the first leg of their European tour, calling in at London, Cambridge and Bristol's Cube Cinema tomorrow, before jetting back to Italy and on to the rest of the continent, Andrea still feels it's all been worth it. 'Playing is never bad,' he enthuses, 'because there's always one person that comes to say: Thanks for playing'. We had one guy call us from Sweden just to say: Thanks for your art, I spent a very nice moment with it. Can you imagine? So, it's for him that we'll keep going.' And that, like the most free of any jazz forms, is what keeps the avant-garde scene moving.


Digicult (IT) - February 2005
Text + Interview by Bertram Niessen
http://www.digicult.it/digimag/article.asp?id=85

Pirandèlo è l'incontro tra Andrea Gabriele, Marita Cosma e Claudio Sinatti, impegnati nel curare la musica, le immagini e i video di questa nuova collaborazione. Loro stessi lo definiscono come "un contenitore di musica, fotografia, video e scrittura; il mezzo di un viaggio che parte da un'organica e tangibile astrazione fino ad una cinematica e sinestetica narrazione". L'audio della performance live-media di Pirandélo (Andrea Gabriele aka Mou, Lips!) attraversa l'elettronica, l'ambient ed il pop in un viaggio onirico e spesso magmatico; gli elementi visivi sono diaproiezioni (Marita Cosma) e video (Claudio Sinatti) che si spostano tra gli schermi, suggerendo immersioni in mari caldi. L'inizio del 2005 segna la partenza del loro tour europeo dopo alcune preview italiane (come a lo Spazio Lima di Milano e il Netmage 05 di Bologna). Li abbiamo incontrati per parlare del loro live...

E esatto dire che siete Sinatti + Mou, Lips!? Ovvero, vedete questo progetto come un incontro tra le due realtà o come una costruzione ex-novo?

Claudio Sinatti: E' stata la prima collaborazione tra Andrea e me. Dopodichè, assieme a Marita, abbiamo sentito il bisogno di iniziare un progetto nuovo che includesse tutti gli elementi che ci interessavano (il suono, le immagini, la narrazione...) e che ci permettesse di lavorare su materiale nuovo, di influenzarci direttamente e realizzare delle cose basate su di una struttura elaborata assieme.
Marita Cosma: Pirandèlo nasce dall'incontro delle nostre realtà e più che qualcosa di costruito, pensato, è una convergenza di vissuto, cercato, trovato.
Andrea Gabriele: E' sicuramente un progetto ex-no.

Perchè il nome "Pirandèlo"?

Marita Cosma: Tema di maturità: una partita a scacchi tra il verderosasperanzaspadatratta di un romantico Foscolo e i riflessi di buio nello specchio spaccato a terra da Pirandello in persona post-relatività einsteiniosa, come riflessi di luce di candela nell'ombra di un era. E Andrea che un giorno poi se ne esce con un raccontami-di-Pirandello e dal tema della relatività all'insostenibile leggerezza dell'essere si è perduta una "l" e trovata una "è".

Lo spettacolo che ho visto allo Spazio Lima aveva una interessante integrazione di audio, loop video e diapositive manipolate con la sfocatura del proiettore (correggetemi se sbaglio). Sono sempre questi gli strumenti che utilizzate?

Claudio Sinatti: Diciamo che sono gli strumenti più naturali. C'è stato molto poco di pianificato nella preparazione di questo live. Ognuno di noi ha messo in Pirandèlo quel che sentiva individualmente, sapendo già di avere un forte feeling con gli altri due. C'è una sintonia molto forte tra noi e questo ci ha permesso di basare il lavoro su "dettagli" come le scelte cromatiche, mentre il resto è venuto da sè. Credo che uno degli elementi che ci unisce è il fatto che siamo tutti e tre innamorati : )
Andrea Gabriele: Innamorati, bhè, Claudio ha ragione. Parlando invece di "integrazione" tra audio, video e dia, solitamente il primo passo lo faccio io creando la musica, ma sempre più spesso la mia musica, nello stesso momento in cui viene suonata, è pensata per delle immagini, o più precisamente per delle 'situazioni'.. caldo, freddo, umido, colore. Poi, nei live accade che l'empatia tra Claudio e Marita crei delle forti sfumature a me nuove, ed è lì che mi perdo con "dolcezza" nell'improvvisazione.
Marita Cosma: Io e il diaproiettore siamo in buona amicizia ma ancora non ci conosciamo a fondo e, ritrovandoci di volta in volta in un contesto diverso, manteniamo il nostro dialogo sugli assi "sfocatura" e "ombra" per spaziare poi, a volte, nell'uso di oggetti ad-hoc. Di dia in dia come di momento in momento: combinazioni, di volta in volta, tra un umore, un rumore, un dolore, un amore e l'altro...

Come gestite il rapporto tra audio e video? l'impressione è quella di un viaggio fluido e non necessariamente collegato. Non sembrano esserci degli eventi audiovisuali sincronici, è così?

Claudio Sinatti: C'è un flusso onirico nei nostri live che credo risentirebbe di elementi teatralmente sincronici. Dal vivo i suoni e le immagini di Pirandèlo si inseguono e creano i propri occasionali sincronismi naturali, ma lasciano soprattutto spazio allo spettatore di trovare il proprio ritmo, i propri sinc. Credo questo sia un elemento molto importante delle nostre performance.
Marita Cosma: E' con mia meraviglia che il ritmo della pellicola si fa specchio sulla musica, superficie che ne condensa il vapore o calore, che ne distingue le gocce: come una sincronia mai esplicitata eppure desincronizzata e poi ridefinita su più livelli, asincroni in apparenza ma corali in presenza.

Si basa tutto sull'improvvisazione, avete un canovaccio o una vera e propria partitura?

Andrea Gabriele: C'è una scaletta di brani (che puntualmente sbaglio). Ci sono files sparsi qua e là, ed a volte il file che apri non è quello che volevi. Almeno per me, l'improvvisazione determina parametri come la velocità, l'intensità, la durezza, la dolcezza, la struttura della musica. Il canovaccio della sera prima è una scusa per sentirsi "preparati"...
Marita Cosma: Ci sono gli storyboard di Claudio, le .jpg delle dia e le tabelle audio/dia/video/audio scarabocchiate e/o stampate qua e là, ma poi c'è il live che le reinterpreta e riorganizza e vanifica e sublima. Come su di un pentagramma fluido.

Nel vostro lavoro, l'interazione tra le diapositive e il video sembra essere l'elemento visuale più interessante ma anche più difficile. Come affrontate la cosa?

Claudio Sinatti: Nel live attuale cerchiamo di utilizzare le due fonti come layer separati di un'unica immagine. Marita ha trovato un modo per rendere animate le diapositive proiettate, mentre molti miei loop si sono rallentati, sono diventati più statici. Questo crea un compromesso in cui foto e video si confondono e l'immagine diventa una sola. Un altro importante punto di fusione tra i media è il colore: sia nel video che nelle dia abbiamo alcuni elementi che sono quasi esclusivamente macchie di colore, altri che sono (o sembrano) più tangibili, delle forme. Marita ed io cerchiamo di sovrapporre elementi diversi, così una dia rossa tinge un volo di uccelli o un loop blu colora la foto di un albero...
Andrea Gabriele: Sono entrambi innamorati...
Marita Cosma: Senza paura. Quando mi tremano le dita per lo stupore so che i pixels stanno danzando la loro sinattica danza e mi commuovo. Che poi Claudio e io cerchiamo anche di capire le necessità delle note per incontrarle, seguirle, affiancarle o portarle fino ad un sorriso o allo sguardo che segna la chiave di violino, definendo e ridefinendo ogni stop&go over and into the sound as well as on and into the spaces, ma diamo anche, indefinitamente e con gioia, il fianco alle loro fuggevoli identità. Senza remora, come fossimo ancora e sempre alla ricerca e ogni caso valesse tanto quanto una coordinata (x, y, z)=eureka![cilck]altro frame, altro accordo, altro file, altra pix.


Digicult (IT) - February 2005
Text by Marco Mancuso
http://www.digicult.it/digimag/article.asp?id=82

[...] La sera di giovedì ha visto la performance live di Pirandèlo, neonato progetto che vede Mou, Lips! collaborare attivamente con Claudio Sinatti e Marita Cosma.
Basandosi quindi sulle musiche sempre più ispirate e mature del compositore pescarese, i video di Sinatti e i lavori sulle immagini da parte di Marita Cosma rendono fede alle potenzialità del progetto e al suo coinvolgimento emotivo. [...]



» Back to top...
» Back to karu:2 release page...