www.baskaru.com
karu:6 - (etre) - A Post-Fordist Parade in the Strike of Events
News Releases Artists Distribution Shop Contact Links
(ETRE) - A POST-FORDIST PARADE IN THE STRIKE OF EVENTS

Reviews



Report On Line (IT) - November 2007
Text by Davide Grosso
http://www.reportonline.it/article5006.html

Esce finalmente "A Post-Fordist Parade in the Strike of Event" firmato da Salvatore Borrelli in arte (etre).
Il titolo è una citazione di Baudrillard che riesce ad esprimere la noia e il disadattamento per il mondo circostante da parte dell'autore.
Lo sciopero degli eventi assume in questo disco Il carattere di continua tensione nelle tracce tutte ispirate a artisti, attori o registi.
Dallo studio e dall'analisi della musica seriale, dagli interessi per l'elettronica e l'arte contemporanea nasce questo suo progetto freefolkglitch che unisce i suoni di strumenti tradizionali come la cetra a sperimentazioni elettroniche molto ardite.


Aufabwegen (DE) - July 2007
Text by Zipo
http://www.aufabwegen.de/mag/mag36_f.htm

(etre) liefern trotz des obskurkämpferischen Titels ein erstaunlich ruhiges und getragenes Album ab. Der Einstieg erfolgt über repetitive Bass-Sequenzen, die durch perlende Keyboard-Phasings aufgehellt werden. Dann geht alles ganz schnell: elektronische Manipulationen, Stimmen und diverse Instrumente treten auf den Plan. Ein bewegter Gesamtklang entsteht.

[...]


Gaz-Eta (PL) - May 2007
Text by Tom Sekowski
http://www.gaz-eta.vivo.pl/gaz-eta/recenzje/gazeta.php?nr=55&id=s_15

It's easy to dismiss French label Baskaru as another flash in the pan in the eai game. They're a lot more than that of course. With the help of acts that accentuate the tender side of the game, they come up with results that are oftentimes quite unpredictable.

[...]

Another Italian audio artist, Salvatore Borrelli hides under the guise of (Etre). Playing a variety of guitars, drums, toys, field recordings and max/MSP programming, his release is a blast of varied proportions. While a track like "Naturalist Tokyo 3.0 (for Michel Houellebecq)" features a mish-mash of high-pitches, jittery effects and cartoonish voices, it ultimately does a bit too much in a short time-span to be fully absorbed. That's probably the biggest problem of the whole release. Too many ideas come flying in too short a time span. While the next track "And you are free in the icon of neurotic realism (for Santiago Sierra)" is somewhat better in articulating a certain idea [with its multiple, layered guitars strangling the constant glitch], this is still too overpopulated with concepts. Borrelli's best tracks are the ones where less is used to express more. "Dogs from my childhood: multiple white (for Thomas Hirschhorn)" takes a simple guitar motif and stretches an idea over an eight minute length. While in sections, the guitar sounds serene, in other places, it resembles a Hawaiian luau ceremony. (Etre) sounds as if he's still searching for that common ground, where he'll feel most comfortable with his art.


Testcard (DE) - April 2007
Text by mb
http://www.testcard.de

Testcard, April 2007


BPM Magazine (US) - April 2007
Text by m50
http://www.bpmmagazine.net

An ever-shifting sound collage ambitious in its approach while managing to stay purposeful and engaging. Original - and often, remarkably worthwhile.


EAR/Rational (US) - January 2007
Text by Don Poe
http://www.ear-rational.com/detail.php?id=31590

Glitchy goodness. I wouldn't call this glitch techno, though, as the energy here is more organic than techno. This is more in the realm of sticks getting pulled out of the rock wall that the ancient Anasazi people used to climb with, burning them and recording the sound of the electrical energy created from these valuable artifacts. As an idea, they list the person who made this as a composer, not an artist, so you get a sense that this is maybe more thought out and planned and less jam-style. This is a pretty cool release for those people that like experimental music and electronic music, it is a good combo of both. This kinda reminds me of a more cohesive Contagious Orgasm, a band from Japan that is a little bit more Musique Concrete, while this is more structured and not all over the place.


Adverse Effect (UK) - Winter 2006/2007
Text by Richard Johnson
http://www.adverse-effect.co.uk/2007/iii-3/ae_reviews-iii3.html

Another release on this new French label by an Italian artist. (Etre) is Salvatore Borrelli's platform and this debut album snags him locking all manner of different sources, guitars and field recordings to an often melodic digital collage that's at once warm, inviting and invigorating. Carousels of rhythmic splutter and chattering bridges of spatial crystals, buttoned to a keen ear for dynamics and atmosphere, take form over eleven cuts themselves dedicated to writers, film directors and artists such as Michel Houellebecq, Antonio Moresco, Harmony Korine and John Bock. Unlike so much music presently unspooling from this particular pond, the entire album breathes with an energy that successfully soaks up different dimensions. Absolutely nothing feels out of place or lacks a sense of genuine purpose. It's a fantastic display of what can be done when the mind is actually put to work and, rather importantly, proof as to why so many others amongst the 'software brigade' simply shouldn't fucking bother. Probably one of the best such debuts I've heard in a considerable while.


Nero Magazine (IT) - November 2006
Text by Leandro Pisano
http://www.neromagazine.it/sources/NERO-PDF-12.pdf

La rigenerazione delle produzioni glitch, il superamento dell'autoreferenzialità della manipolazione digitale del suono legata al concetto di errore/disomogeneità, la ricerca di alternative alla consunzione di un'estetica convenzionale ed abusata, figlia degli anni novanta. Sono queste le coordinate entro le quali si muovono una serie di produzioni naturalmente figlie dell'era post-fennesziana, quella inaugurata cioè da una chimica altra del suono elettronico, legata alla ricerca di sentieri meno scabri, dal sapore armonico.
"A Post-Fordist Parade in the Strike of Events" è un lavoro radicato in questo scenario neo-glitch, corroborato da una vena erudita e visionaria.
Ecco la risacca dronica in "Anatomy Of This Faded Flower (For Sarah Kane)", una sorta di Vaihtovirta ctonia, gli echi trance L.A. in "From the Parallel Line, Before and After Me (for Faust)", la pellicola malata jodorowskiana in "Dogs from my Childhood: Multiple White (for Thomas Hirschhorn)", lo sci-fi psichedelico in "Naturalist Tokyo 3.0 (for Michel Houellebecq)", l'anthem panico-spaziale nella chiosa "When You Cry For The First Time On This Earth (For Antonio Moresco)".
Album spiazzante ed ironico, "A Post-Fordist Parade in the Strike of Events" è l'approdo naturale che porta a maturazione le intuizioni sviluppate precedentemente nella fase prodromica di ricerca rumoristica dell'autore.
Altri segnali rassicuranti (e futuribili) nella mappa della sperimentazione elettronica italica.


Surgery (CA) - November 2006
Text by Eric Hill
http://surgeryradio.blogspot.com/2006/11/etre-post-fordist-parade-in-strike-of.html

The acceleration of panic rushing from room to room as you frantically search for the microwave that's melting down, the television shooting sparks, the light bulb sizzling its incandescent death knell… that's what opens Salvatore Borrelli's new work as (Etre). A certain strain of Italian audio art seems to suffer/benefit from a Futurism hangover. It proposes a machine-generative music set in motion then left unguided by human hands. A language of modem chirps and distorted voices issued from wax cylinders mixed with errant snatches of radio broadcast and spent mainspring percussion. The pieces also relate to Borrelli's performance background that often involves real time manipulations and amplification of seemingly silent rooms or common objects and elements such as fire, ice, glass, chemicals. “Real” instruments become the less-than-simple machines that unexpectedly drift into the noisy fray. Borrelli guides us into the gyre of this tornado and lets the wind do its work.


Autres Directions (FR) - November 2006
Text by Stéphane
http://www.autresdirections.net/article.php3?id_article=1040

Sous leurs pochettes colorées et chargées, les disques Baskaru offrent des voyages sonores insoupçonnés. Le label français, spécialisé dans la publication d'artistes italiens, ne déroge pas à la règle en proposant les sorties conjointes des albums d'Urkuma et (etre), deux chantres transalpins de la laptop.

Salvatore Borrelli se distingue sous l'identité de (etre). Son premier album A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events est un collage original entre laptop, rock et électronique. La guitare traitée y est reine : elle se combine avec des bruits divers et se fait filtrée dans tous les sens. On y sent néanmoins des influences indie alliées à une science parfaitement maîtrisé de la mise en forme électronique, brassant dans un grand bain Chessie, My Bloody Valentine, The Chemical Brothers ou Ekkehard Ehlers. Bien sûr, c'est vers certains Plays de ce dernier que quelques pièces de A Post-Fordist tendent. Entre hymnes lyriques inspirés (Anatomy Of This Faded Flower (For Sarah Kane)), collages radiophoniques (__________) et dérives house (Dogs From My Childhood Multiple White (For Thomas Hirschhorn)), A Post-Fordist Parade apparaît comme une combinaison étonnante et sympathique de goûts et d'humeurs.


Electronique.It (IT) - October 2006
Text by Liquid
http://www.electronique.it/ultraviolent/uv182.htm

Ecco un'altra golosissima etichetta che riuscirà sicuramente a farsi spazio tra gli amanti del glitch più ricercato e coraggioso, stiamo parlando della Baskaru, ed in particolar modo del lavoro dell'italianissimo Salvatore Borrelli.
Sotto il moniker (Etre), infatti, Salvatore impegna mente e corpo nella creazione di attimi musicali che ripartiscono le proprie origini sia negli ultimi ritrovati tecnologici (vedi digitale), quanto nelle improvvisazioni acustiche, sempre ben accette nella musica elettronica.
Il lavoro in questione ha il pregio di non stancare mai, rivolgendosi direttamente a quella porzione di psiche che più ama uscire dal reale per immergersi nel suono.
Ottima la dinamica del disco, che offre altalenanti cambi di ritmo supportati da una scelta sonora quantomai azzeccata. Stiamo parlando scorribande elettroniche fuori controllo, stà soltanto a voi far quadrare il cerchio.


Liability (FR) - October 2006
Text by Fabien
http://www.liabilitywebzine.com/?ac=non&contenu=viewchr&id=2646

Salvatore Borrelli est, comme beaucoup d'autres dans sa branche, un sculpteur sonore. A partir d'un matériau brut, il arrive à modeler ce dernier à sa convenance pour créer une musique post-moderne qui se complaît dans des formes variées et interchangeables. Le parcours de Borrelli est très significatif de son état d'esprit artistique. Après être passé au Japon et en Afrique du Sud, où il s'est fait remarquer avec ses installations, il intègre le collectif iXem qui base son effort sur l'expérimentation musicale. Si son travail se base beaucoup sur l'acoustique, on serait difficilement à même de voir une accointance avec les grands frères du GRM. Au contraire le projet (être) se veut plus mélodique, moins abstrait et, pour le moins, plus ouvert en mettant en place une musique aérée mais qui peut tout aussi bien se rendre abrasive. En effet le résultat des investigations de l'italien peut bien faire montre de clarté, mais il ne faut en aucun cas perdre de vue qu'il malaxe les sons de la manière la plus torturée qui soit. Encore une fois, on est en face d'un adepte du "mieux détruire pour mieux reconstruire".

A proprement parler, Borrelli est l'élève consciencieux d'une école expérimentale où le collage, la vision cinématographique version road-movie autiste et une approche presque subliminale sont des marques de fabrique qui s'apparentent à une idée structurelle de la musique qui est sortie de l'anonymat depuis quelques années. Des types comme Borrelli ne font plus peur, ne suscitent même plus l'hostilité ou l'incompréhension (sauf, peut-être chez les habitués du Hit-Machine...). Les années 90 ont été un vecteur essentiel à la survie et au développement des musiques dites cérébrales. Des labels dits difficiles comme Touch ou Mille Plateaux ont permis l'émergence d'une quantité d'artistes qui n'auraient sans doute guère eu de diffusion en d'autres temps. La structure Baskaru mise intelligemment sur ces créateurs sonores comme s'il paraissait essentiel de donner une tribune aux expressions non formatées. Ainsi ce premier album de (être) peut se targuer d'être une entité propre qui ne se catalogue pas aussi facilement qu'on le voudrait mais qui fait passer une véritable émotion tout en gardant une complexité architecturale totale. C'est ce qu'on appelle une réussite.


Blow Up (IT) - October 2006
Text by Dionisio Capuano
http://www.blowupmagazine.com

Nell'elaborazione sonora di (etre) il glitch, una granaglia malleabile di elettroni, è un ingrediente, non determina l'appartenenza ad un genere musicale. Realizzata in tempi non sospetti, nella sua "parata post-fordiana" (etre) inscena un vaudeville informal-elettronico, idealmente collocabile tra una nu electro scevra da capricci sonico-infantilistici e, seppur lontani come modello, gli sketches di Okapi. E' sempre presente una precisa direzione compositiva, che può concretizzarsi ora in una spina dorsale ritmica, come avviene in "From The Parallel Line, Before and After Me (for Faust)", ora in loops di chitarra che si intrecciano generando la rifrazione armonica di un nucleo melodico latineggiante (Dogs from My Childhood). L'intreccio tra acustico "trattato" e digitale, tra parti suonate e campionamenti, alimentano la densità cromatica del disco. La loro ricomposizione quasi figurativa - oggi si dice acusmatica - fa sì che le idee non rimangano soffocate in grovigli di suoni casuali. Anche nei momenti più astratti (Naturalist Tokyo) c'è un disegno chiaro che non esclude l'apporto ricostruttivo dell'ascoltatore, chiamato, nel gioco della fruizione, a risistemare le tessere sonore, a ricucire connessioni culturali. Disco colto e fumettistico, snodo essenziale nei recenti processi di re-invenzione di stili ed approcci creativi.


DJFIX + Raves.com (US) - October 2006
Text by Kristofer Upjohn
http://www.djfix.com/cdreviews/show/204/ETRE-APOSTFORDISTPARADE
http://www.raves.com/cdreviews/show/278/ETRE-APOSTFORDISTPARADE

(etre) zooms in under the general header of experimental and the subhead of glitch but past that it kind of defies being nailed down. One track might be a burbling sound collage with snippets of vocal recordings restitched together with a variety of sound pieces. Another track might be a glitch-hound's paradise, a skittery-jittery hullaballoo of glitching in your ear. Yet another track might be a chilled soundscape with jazz structures but defiant of traditional music. (etre) slips hither and thither, avoiding capture, keeping the listener on alert, unsure what might spring out of the speakers next. Obviously, if you have no stomach for experimental or non-traditional song structure, then (etre) has little to offer you. But those who seek something different and can appreciate texture in its own right, then (etre) might be the next CD to buy. Regardless, (etre) does a fine job of crafting experimental gardens of sound and conveying a strange atmosphere of otherness.


Rocklab (IT) - October 2006
Text by Antonio Sforna
http://www.rocklab.it/recensioni.php?id=1601

E dunque questo il debutto su CD di (etre) (Salvatore Borrelli), musicista proveniente dalla fucina del collettivo iXem e finora adombratosi nel limbo delle autoproduzioni. Undici brani tutti dedicati (o quasi) più una video track (confezionata da Virgilio Villoresi e Giuseppe Chiesa) usciti per la francese Baskaru, etichetta giovane ma molto attenta alla scena elettronica sperimentale.

La matrice (fondativa da sempre nel lavoro di etre) è sicuramente quella glitch seppur in questo 'A post-fordist parade in the strike of events' sembra non pregiudicare affatto la ricerca timbrico-melodica, a cui è rivolta invece un'attenzione capillare. Le lacune pre-linguistiche di una certa "estetica del vuoto" (anch'essa desumibile dal concept glitch) di fatto qui vengono a coesistere (e in alcuni casi a desistere) con un tessuto micro-strutturale coerente, sebbene non formalmente orientato: la percezione finale ad un primo ascolto può infatti risultare a tratti caotica e sconnessa. Ma è d'altra parte una delle attrattive dell'opera che annoda strumentazione digitale ed (elettro)acustica, la quale da vita a peregrinazioni musicali talvolta impensabili (o improbabili?) spesso affiancate da una certa predisposizione al "riciclaggio" sonoro di riff acustici e non. Si scorge tuttavia immancabilmente il fil rouge dell'intera produzione, che in parte risponde anche ad un dichiarato nonsense appieno contemplabile nella poetica di (etre), ed anche per questo l'ascolto potrebbe essere visto come un processo sperimentativo in parallello a quello di composizione. Pertanto non rimane altro che metterlo in playing.


The Wire (UK) - October 2006
Text by David Stubbs
http://www.thewire.co.uk

A Post-Fordist Parade is both inventive and diverse - each of its 11 tracks could be the work of 11 separate artists. In fact, they're just the one: (etre) is Italian sound artist Salvatore Borrelli. "Anatomy Of This Faded Flower (For Sarah Kane)" works off a loop of glitch, with a twister of broadening circles whipping up a whirlwind of metal detritus. "From The Parallel Line, Before And After Me (For Faust)" reminds, of all things, of Max Ernst's The Elephant Celebes, with its wheezing, anthropomorphic contraption counterpointed by a sprightly, almost military backbeat. "Considering The Hypnosis Of The Stone (To Harmony Korine)" puts its ear to the floor and picks up the loud but indistinct chatter and footsteps from a basement laboratory.


The Vibes (IT) - October 2006
Text + Interview by Vito Camarretta
http://www.thevibes.net/interviews/(etre).html

Incuriositi dal trittico di produzioni "italiane" che ha catturato l'attenzione e gli sforzi discografici della piccola etichetta francese Baskaru, dopo il progetto Urkuma, abbiamo fatto una chiacchierata con Salvatore Borrelli atta a conoscere meglio un'altra entità molto interessante dei sotterranei artistico-musicali -(etre)-, il cui lavoro "A post-fordist parade in the strike of events" ci è sembrata fin dal primo ascolto una declinazione di un fenomeno nell'ambito dell'elettronica già in atto da qualche tempo, che contine diverse elementi che forse improbamente potrebbero designarsi quali rivoluzionari.

Ciao Salvatore. Innanzitutto perchè (etre)?

(etre) è un termine entropico: vorrebbe designare "l'essere" ma privato dell'accento circonflesso e posto tra parentesi, si rivolge alla condizione generale d'insignificanza sotto cui le cose sono poste e sotto cui tutti siamo posti. (etre) è anche una trovata insieme bislacca e stupidamente seriosa per nascondere il mio nome e cognome che mi chiamavano troppo in causa, ed in qualche modo dovevo scomparire dietro una sigla che dicesse qualcosa di troppo generale. Mi culla l'idea di sparire dietro le cose che parlano per me. (etre) è anche un monito un po' imbarazzante, ridicolo ma che pare imperante: nomina la cosa più sconosciuta di tutte, la domanda continuamente, e non ne riceve risposta: questa cosa nel nostro linguaggio è chiamata "essere"; l'essere è detto in tutti i modi ma nulla dice. Proprio come me mentre parlo!

Dicci qualcosa di te. Come sei arrivato alla sperimentazione -se ritieni adatta questa accezione al tuo modo di far musica-?

Ogni enunciazione è sperimentale. E' un esperimento, a volte una fatica alzarsi dal letto, prendere consapevolezza che c'è il sole, che la donna che ami, tuttavia, c'è ancora, che ci sono i tuoi amici a cui daresti tutto, oppure che non c'è niente e sperimentare quindi diviene doppiamente necessario: trovare una fusione nuova con qualcosa che non ti sembra più consolidato. Credo, francamente, che la sperimentazione sia sempre stata una "farsa". Che vogliono farci credere che i canti liturgici del monasterto di Khampagar, o l'accompagnamento percussivo delle processioni a Tahiti, o che i pigmei Bibayak del Gabon, non sono "musica sperimentale"? Purtoppo l'etichetta sperimentale è sinonimo della stessa dicitura che si nasconde dietro la sigla "digital art": è qualcosa che viene spacciato per "arte", per "altro"; è solo fumo, secondo me. Al giorno d'oggi esistono modi d'intercessione elettronici praticamente inauditi. La stessa musica elettronica ha siluppato il 10% delle sue potenzialità; noi tutti diciamo "sperimentale" per significare che tutto ciò che c'è stato prima lo era in una misura minore; ma non tutto quello che mi riguarda è solo sperimentale. C'è una fetta molto pesante del mio lavoro attuale che potrebbe definirsi: "folk rurale"; il che significa che io non sto nemmeno "recuperando" le tradizioni; né che io sto sperimentando dei linguaggi, ma forse solo ritornando al gruppo che più amavo, i Flying saucer attack! Sono piuttosto le tradizioni che mi accolgono e si ripresentano sul luogo dove mi muovo, mentre mi muovo. Per me, come vedi, nuovamente, l'essere ha poco valore in quel che è. Inoltre se esiste una musica "sperimentale" non c'è una coscienza universale "sperimentale" oltremodo: nel senso che le cose vanno di pari passo con il tempo e la recezione planetaria ed è probabile che quello che oggi ci appare inascoltabile, per sé sia sperimentale, ma che per noi, che siamo molto dietro, possa essere niente, apparirci come un nulla. Sperimentale è per me più un percorso intrasognato nella sua solitudine, una via di connessione che prima di partire dal suono forse parte da una radicale negazione della preesistenza. Sperimentale è ciò che non piace alla mia famiglia quando suono, è ciò che non sopporta il vicinato, ma c'è qualcosa che precede questi comportamenti, e direi che è rintracciabile nel tentativo di spodestare un linguaggio, detronizzarlo, attaccarlo. Questo è ovvio che nasca da un odio profondo, dall'odio di chi come nel mio caso, si trova a cooperare in realtà dove utilizzare un microfono a contatto dentro una parete con un trapano è considerata una diavoleria terroristica. Eppure l'odio diventa neutro, scompare e solo in quel dato momento riesci a prendere possesso di te. cosicché sperimentale diventa la tensione che ha dentro un artista mentre s'interroga continuamente su quanto sta facendo e quanto c'è da fare. Più che un attributo, sperimentare è un atteggiamento.

Non si può rimanere impassibili di fronte ad un siffatto titolo (A post fordist...). Ci ricordano alcuni titoli delle Forbici di Manitù? Cosa sottende il titolo?

"A post fordist parade in the strike of events" significa che c'è "una parata post-fordista nel mezzo di uno sciopero degli eventi". Può anche voler indicare "la scomparsa dell'evento" nel mezzo di una parata che si presenta dopo l'euforia della produzione fordista e seriale. E quindi ecco il punto: il disco si chiama così perché io taglio in due la musica seriale. Quel ciclo di produzioni euforiche, continuative, tutte regolari, in cui io sussumo buona parte dell'elettronica contemporanea, per quanto mi riguarda, è morto. La musica non si fa più per segmenti, per serialismi. E' una buffonata l'idea del serialismo: questo serialismo per me non produce più niente. Io paragono il ciclo di produzioni pre-fordiste all'esplosione dell'elettronica per giovani, dico che questi giovani devono smettere di ballare, devono deterritorializzarsi, comprendere che siamo nell'epoca del processing e non in quello del serialismo segmentativo a-b, b-c, c-d! Il titolo richiama la citazione di un piccolo pamphlet di Baudrillard, da me molto amato, che parte dalla constatazione per cui l'evento è cosa morta, cosa poco incline al cambiamento. Questo perché quasi il 90% delle cose della vita per me sono noiose, fastidiose. Questo significa che devo trascorrere il resto del tempo della vita a trovarmi delle passioni, altrimenti mi annoierei a morte. Il titolo nacque anche da un sogno che ebbi una notte: la parata postfordista indica questa pantomimica presenza di un gruppo di scioperanti in mezzo "al deserto del reale", che si guardavano in faccia rimanendo bloccati con una musica house in sottofondo! Un sogno molto strano, se ci pensi. Mi piaceva pensare a tutte queste cose che (non)-si-presentano, alla gente che sciopera, alle agitazioni, allo stesso evento che vuole scioperare e poi presentare un disco pieno di bombardamenti, di cambi di registro, di trasformazioni repentine. Rientrava nella mia estetica dell'anti-individuale e dell'erroneo.

Mi hai detto che consideri le parole come continuazione della musica... In che senso?

Considero le cose come fluttuanti. La musica è atemporale. La parola per quanto inutile tiene dentro "l'idea" di designare. Tuttavia la parola fallisce sempre laddove la musica continua.

Ma se cosi è, la musica di cosa è continuazione dal tuo punto di vista?

La musica continua il silenzio dell'universo. S'intromette tra le esplosioni di ascendenza del nulla che ci tiene ammortizzati nel cosmo invisibile che tuttavia ci alimenta, e continua il piano di segmentazione di tutto lo scibile che esiste e che tuttavia non vediamo. La musica è l'assenza di significazione, di comprensione e di spiegazione. Può solo contorcerti, distruggerti, portarti oltre quello che puoi o non puoi decidere che sia. Ogni cosa che ti dà un pugno e ti pone di fronte a questa condizione di trasformazione e bellezza è musica.

Tra una serie di personaggi a cui sembri indirizzare i tuoi excerpts, c'è Hirschhorn. Cosa credi che intendesse per Piano B? Tu ne hai uno nella vita così come nell'arte?

Esatto, "Piano B". Vedi, volevo ringraziare il suo "Piano B", non tanto Hirschhorn! Poi ho pensato che era come nominare "il neutro" blanchottiano; "lo schianto" di Virilio e così, come sempre avviene, sono ritornato all'autore. Piano B significa che quello che sembrava fosse il Piano A è segnato per assenza, perché qualcosa di fondativo che doveva "apparire" e sottendere l'esecuzione del suo manifestarsi, è scomparso. B è solo il segmento susseguente, indica che A, - il primo -, è finito, e che quello che c'è ora, è altrettanto incerto quanto quello che c'era prima, e che ci sarà dopo; l'unica differenza tra A e B è il tempo: B ha di nuovo solo la novità e questo può bastare (B è solo un tramite che come A fallirà, tuttavia ci tiene nell'idea che la differenza sia lo spostamento di piano e non tanto quello d'identità). Nella mia ottica la parola è plastica, i piani, le funzioni, le cose sono "plastiche", ovvero tutto per me è un contenitore senza contenuti, una continua prova passiva. Piano B è organizzare uno spazio di congiura dopo una profonda testimonianza di fallimento esistenziale. Radunare delle persone, come Horschhman ha fatto nella galleria di Artiaco, e coninvolgerle in una "dislocazione" spaziale. Vedi: a me piacciono i raduni, mi piacciono tutte quelle persone che si avvolgono dentro una "parata"; dentro queste manifestazioni di speranza io già ci leggo l'incipt di un fallimento generazionale non ancora annunciato. E produrre figure significa produrre movimento; o meglio: falso movimento.

Cosa credi penserebbe Gabellone all'ascolto di luego existe e alla tesi implicita nel titolo (il luogo esiste) e perchè hai usato lo spagnolo per quel titolo?

Io vorrei conoscerli gli artisti a cui dedico qualcosa, parlarci, e quando dedico qualcosa ad artisti deceduti, mi sento più a mio agio, perché so che quel dialogo che io spero ci sia, non ci sarà. Per questo invito loro a parlare nei miei brani: faccio uso di una parola, della loro, e di quanto quella parola possa portare a quegli accostamenti sonori. Tutto questo dialogo con questi artisti, questo rimando metaforico, simbolico, nominativo, è dato dal fatto che io sento in questi personaggi una continuità con l'arte come io lo vedo, non tanto col mio lavoro, che è solo una divertente modalità che mi tiene in vita, ma con l'arte in sé. Di Gabellone, come degli altri mi piace "l'ambiguità". Tutto quanto mi riguarda in qualche modo è ambiguo, polivalente. Io stesso mi diverto a sdoppiarmi, a triplicarmi. A pluralizzarmi. Di Gabellone adoro l'idea che certe statue di fiori debbano sostituire l'uomo in passaggi o paesaggi in cui l'uomo è assente. E' un po' l'idea di Foucault a proposito del fatto che al posto "dell'uomo" in futuro, altre figure, altre domini, sostituiranno questa menzogna; non si parlerà più di uomini, ma di qualcosa d'altro. Luego existe significa: "Dunque esiste", "Poi esiste". E' la stessa cosa che dire: "Il y a" nel lnguaggio di Lévinas, "il y a" significa che c'è: non importa se c'eri tu o non c'eri, se era o non era una persona, una cosa; c'era almeno il mondo, già era prima di ogni altra cosa. A me interessa questo soprattutto nelle vicende umane: m'interessa indidivuare l'origine e vedere come le cose si annichiliscono rispetto alla loro nascita. Rilke scrive: "Perché il bello non è che il tremendo al suo inizio, noi lo possiamo reggere ancora, lo ammiriamo anche tanto, perchè esso calmo, sdegna a distruggerci"! Sono una specie di anatomopatologo della musica: mi piace dissezionare, portare un suono che era in uno spazio, in un altro spazio. Privazione di qualcunque definizione, anonimato, precarietà; pre-individualità. E questo processo iniziò quattro anni fa quando composi un pezzo "Pre-moltitude/solitude" dedicato a Gilbert Simondon, perché prima che mi dedicassi al suono in forma attiva provenivo da tutta una serie di esperienze di studio: filosofiche, semantiche, mentali, che mi ponevano nei confronti del soggetto come di fronte ad una figura demoniaca, estranea, tragica e dato che quelle ricerche mi portarono ad un punto morto, decisi che in qualche modo "il filosofico" lo si dovesse produrre, e che la musica, che avevo studiato da bambino, servisse come un ventaglio per far oscillare il senso. Inoltre l'interesse che mi spinge a questa curiosità per lavori altrui è lo stesso che mi fa scrivere di musica, che mi mette nella condizione di volerne intervenire in tutti i modi, sia come critico, che come musicista. Sono due aspetti complementari per me.

Cambiamo un po' tema.... qual è il tuo rapporto con Napoli?

Napoli è la città dove ho suonato di meno e dove continuerò a non suonare. E' una città inutile.

When you cry,... forse la mia preferita... Mi sembra di aver assistito acusticamente ad un notevole salto di registro... A cosa è legata la concezione di quel brano - non necessariamente con riferimento alla dedica ad Antonio Moresco :) - ?

Quel brano e "Luego existe", erano due brani destinati ad una pubblicazione mai avvenuta, un disco che doveva chiamarsi: "La separazione degli amanti" e che non è mai più uscito. Quindi si tratta di due brani vecchi, molto vecchi, ma che secondo me, avevano dei forti punti di convergenza con il materiale interno del disco. "A post fordist" è un lavoro che segue un arco temporale molto vasto, dentro c'è sintetizzato il lavoro di tre anni: si tratta di un disco che chiude un ciclo, forse nella maniera migliore. Chiude il mio interesse nell'autoproduzione, con la release in mp3, con progetti di "frontiera" ed apre a qualcosa di più sonoro, musicale. E' il lavoro che chiude un lungo range temporale della mia vita cominciato con installazioni, passato per diversi festival e collaborazioni e terminato nella realizzazione di un disco. Dentro convivono tutti gli aspetti della mia natura, e tutti in maniera molto violenta e contraddittoria, e sono molto felice che nonostante questo arco di tempo così lungo, il disco, riesca tuttavia a risultare ancora "inedito" alle mie orecchie. Per quanto riguarda Moresco, lui è l'unico scrittore vivente degno di valore. Ho riletto i suoi Canti del caos decine di volte: e mi lasciano sempre coi capogiri, con gli sfinimenti. Moresco è un genio. L'unico genio vivente. Il mondo può sfornare due o tre geni come questo ogni millennio.

What is glitch???

E' innanzitutto un termine che potrebbe crearmi dei problemi, perché come è stato detto più volte, la mia musica non è nemmeno elettronica, ed ancora meno glitch. Il glitch l'associo "all'errore"; per me è erroneo qualunque procedimento/processing che ridefinisce, quasi indipendentemente dalle intenzioni originarie, il corso di qualcosa. Tuttavia credo che sia siano più vicinanze con i Faust, i Throbbling Gristle, i Coil che con etichette tipo Ritornell nel mio lavoro.

Tra gli strumenti del tuo equipaggiamento, animali e insetti... saranno felici quelli del Peta... :)

Sì! In "And you are free in the icon of neurotic realism" c'è una drone di soli insetti registrato anni prima in un bosco sugli appennini tosco-emiliani in piena notte d'estate. Era un field molto diverso da quelli che si sentono nei dischi perché, lavorandoci sopra, diventava tutto favolistico, grottesco! Uno dei punti più interessanti, secondo me, del disco consiste in questa continua verve ironica e spregiudicata che l'attraversa. Mi piace molto il fatto che tutta la mia musica, soprattutto quella in corso, possa essere definita "drammatica" ma che in molte parti, emergono come una vera e propria presa per il culo, delle cose che hanno pochi riferimenti con quella veste drammatica. E' prima di tutto un modo per giocare con se stessi, per prendersi in giro da soli, cosa che mi piace molto fare; quindi è molto difficile che una persona con un ordine mentale precostituito ed un forte irrigidimento possa trovarci qualcosa di bello nel mio lavoro; e poi c'è un'altra ragione: tracciare un percorso criptico, massivo, cuneiforme, dove operare una completa rottura dei segmenti e degli schemi; non a caso, una delle funzioni più passate in rassegna nelle recensioni al disco è questa dimensione frammentaria, disorganizzante del mio suono; ma come è stato osservato, c'è totale organizzazione, completa logicità: è tuttavia il fruitore che deve inserirsi nelle maglie, è lui che deve ritornare sul luogo della fruizione, riconcepirla come un atto attivo, e non come una dimensione passiva. Nella mia musica cambiano molte cose, i segmenti vengono travolti, si passa a molti registri, brevemente. Sempre perché bisogna rompere i codici, riscrivere l'elettroacustica dentro le maglie dell'improvvisazione, dare alla memoria la possibilità di perdere tutte le informazioni, tutti i dati possibili. M'interessa in qualche modo la "perdita" dell'informazione, da questo punto di vista, e forse solo per questo io faccio dell'elettronica: il fruitore può recuperarla, ma m'interesserebbe che mentre la recupera vada a ricordarsi tutte le cose che sta dimenticando e che dimenticherà per conservare qualcosa di nuovo. Gli insetti non conoscono: "il mentale", "l'osceno". Io dimentico tutto, dimentico nel senso di cancellare tutto. Mi appartiene solo il "progetto" che è ciò che non si sfascia alla mia attenzione completamente.

Cosa immagini abbia pensato la Kane prima di autoaccopparsi? [secondo me si è detta: "alla faccia di quegli stronzi di critici del cazzo"] :)

La Kane avrà pensato che il suicidio è l'unica scelta efficace per l'essere umano. E ne sono convinto come poche altre cose.

Qualche progetto in fase di gestazione?

C'è un lavoro in corso molto segreto; un altro chiamato (etre) & his friends, cd di duetti con alcuni artisti sparpagliati un po' ovunque, alcuni di questi presenti sulla mia pagina in myspace. Sto terminando un dvd con Virgilio Villoresi, persona che artisticamente si sta spingendo molto in là nel panorama nazionale, amico di enorme complessità che ammiro molto. Un disco di free jazz con Valerio Cosi, grande sassofinista italiano: in cui io processo il suo sax e suono chitarra "preparata", un lavoro di avant-folk che cercherà di toccare improvvisazione, processing e bluegrass; e come ultimo, mi dedicherò al mio disco solista: un disco folk suonato con cetra, banjo, kalimba, lap steel guitar, shruti box, dulcimer, strumenti giocattolo e voce. Quest'ultimo è il lavoro a cui sono più legato perché rappresenterà il definitivo passaggio in altri lidi, altre forme. Di nuovo c'è certamente il mio interesse a collaborare e cooperare con altri musicisti ed altri linguaggi, tentare un gioco impossibile che in parte avevo già tentato da solo, che consisteva nella pluralità, nell'aprire la musica a diverse influenze non sempre immediatamente comprensibili. E questo ora voglio farlo con "l'altro", "l'altro" che è l'unica fonte di umanità, e l'unico modo per demolire le impalcature arroganti dell'io.


Music Emissions (US) - September 2006
Text by Mike Wood
http://www.musicemissions.com/artists/albums/index.php?artist_id=3454&album_id=4377

The needle-on-the-turntable-is-stuck guitar riff on "Dogs from my childhood: multiple white (for Thomas Hirschhorn)" flows into a tune that segues in rapid fashion from parlor song to trip-hop to outsider meditation in the span of eight minutes. Etre surprise, shock and amaze on every track here. If I didn't know better, I'd say it was a best of. Tapes loops with dim free jazz percussion, psych-folk clip art, prepared piano and odd vocal improvs; every song carries with it a dedication that may or may not mean anything, though the song for French writer Michel Houllebecq ("Naturalist Tokyo") has a kind of dark whimsy I'm sure he'd like. This exploration of so many short sounds and genre tor-dipping would seem to make for a claustrophobic mess, but Etre manage to handle each swerve in the road with confidence, and a punk sense of purpose.


Ultrasonica (IT) - September 2006
Text by Urbanspaceman
http://www.ultrasonica.it/modules/lykos_reviews/index.php?op=r&cat_id=1&rev_id=250&sort_by

Un'altro italiano alla corte della Baskaru Rec. Dopo aver recensito il disco di 'Urkuma', abbiamo 'per le orecchie' il primo disco solista di Salvatore Borrelli aka '(etre)'. Le sonorità seguono la linea ormai definita dell'etichetta francese, glitch e noise sovraffollano le composizioni di Salvatore che riesce comunque ad emergere dal mare del rumore fine a se stesso, inserendo componenti acustiche e trovate melodiche accattivanti seppur minime e sotterrate. A caratterizzare questo album, oltre ai lunghissimi titoli con dedica, la presenza di un video di ottimo impatto, "search & destroy white calligraphy" curato da Virgilio Villoresi & Giuseppe Chiesa.


Kathodik (IT) - September 2006
Text by Marco Carcasi
http://www.kathodik.it/modules.php?name=Reviews&rop=showcontent&id=2433

Salvatore Borrelli aka (etre) ci ricorda in maniera convincente che al glitch si può (deve); sopravvivere. In questa sua prima uscita ufficiale (etre) congegna una raccolta ben calibrata di brani post estremamente riusciti ai quali molti altri artisti elettronici dovrebbero prestare (almeno) un ascolto. Il vecchio glitch nelle mani di (etre) diviene ingrediente fra i tanti, perde in pesantezza e ne guadagna in aroma; si tramuta in puffo dispettoso che prova a dettar legge in queste composizioni inquiete e curiose senza riuscirci. Da queste parti non siamo in presenza di muri di suono sgretolato digitalmente che non vuol dire un cazzo, un salutare approccio surrealista soffia sull'insieme e soprattutto non si perde mai di vista la struttura compositiva generale. Con tocchi (quasi) pittorici (etre) riesce nella difficile evoluzione/devoluzione di un genere che più di un ferito (se non proprio morti) si è lasciato alle spalle. Apre subdolo con Anatomy Of This Faded Flower in chiave post-Fennesz (di un tempo) ma con maggior insistenza (costipazione) ritmica, carbura lentamente con gli spasmi dub/nu electro di From The Parallel Line, Before And After Me e poi comincia a piazzare degli ottimi colpi come la superba Dogs From My Childhood: Multiple White. Bellissima, loops di chitarra in arpeggio e passaggi slide; detriti digitali armonici a solcare lo spettro e ritmica sotto pelle a compattare il tutto. Formula ottimale, febbricitante (naturale) contaminazione stilistica, l'ascolto si tramuta in una faccenda intrigante; (tutto o quasi) il contrario di certe prove di coraggio auditivo alle quali spesso ci si sottopone ignari. Non ti lascia fuori da solo al freddo. Concede discretamente senza soffocarti sotto una valanga di schegge impazzite. Agilmente, in maniera svagata ma lucida elude il pantano della noia insorgente che si presenta in certi casi, i deliziosi inserti fiateschi che si accompagnano all'acustica stroboscopica di Don't Ask Me Why Rain Becomes Hail; finalmente qualcosa di spassoso oltre che intenso! Plunderfonia sensibile, visione cinematica, tessere sonore che si cortocircuitano fra loro e si rigenerano in organismi leggeri ed affascinanti. Ogni tanto la rotta viene persa ed affiorano lungaggini antiche, ma questo non è un problema; questo è soltanto l'inizio di un percorso che potrebbe sorprendere. And You Are Free In The Icon Of Neurotic Realism tratteggia un altro godibilissimo incontro/scontro digitale/acustico sulle ali di una chitarra folk, nervosa e reiterata; lascia spuntar il sole da dietro le nubi. Chiusura naturale di grande effetto con il deliquio romantico sinfonico di When You Cry For The First Time On This Earth, e non si può chieder di meglio; malinconico sogno distorto. La francese Baskaru azzecca l'ennesimo colpo dopo il superbo Urkuma e l'ottimo Ent; ma possibile che per far uscire questi lavori bisogna rivolgersi in Francia? Ottima confezione e video finale di grande effetto di Virgilio Villoresi e Giuseppe Chiesa. Cosa chieder di più? Ora ad (etre) tocca andare oltre; questo è soltanto (ottimo!) scaldar i muscoli.


Sefronia (FR) - September 2006
Text by Hugo Catherine
http://www.sefronia.com/album/A-post-fordist-parade-in-the-strike-of-event.html

"A post-fordist parade in the strike of event" s'ouvre par une boucle-parasite sur fond de décollage de vaisseau spatial. Nous comprenons rapidement qu'(être) fait dans le paysage sonore. Comme autant d'étapes sonores éphémères d'un road-trip imaginaire, les pistes proposent une alternance de paliers filtrant/défiltrant les sons. Plongés dans une longue obnubilation, nous sommes confrontés à un mouvement continu de rythmes incessants, invariables; de cette procession acoustique électrisée, émergent certains passages particulièrement délurés, tels des copiers-collers speedés alternant basses saccadées et extraits vocaux hors-propos ("________________") ; d'autres pistes se rapprochent davantage d'une electronica à tendance folk, qui délecte nos oreilles ("Dogs from my childhood : multiple white for Thomas Hirschhorn").

L'ambiance toujours un peu évanescente crée un fondu nostalgique. (être) parvient à réveiller en nous un foisonnement de réminiscences, nous nous égarons, notre attention s'évade aux côtés de mélodies désuètes, grâce au charme doucereux de voix féminines passagères. Nous plongeons au sein de la conscience sonore de l'électronicien par le biais de notre propre imaginaire, stimulé par un plaisir sensuel. Via une subjectivité sonore accueillante puisque contemplative, (être) construit une musique-bruits qui réveille la songerie. Cet album peut s'écouter debout, mais surtout avachi.

Nourrissant quelques escapades assez grinçantes, voire sombres, le spleen atmosphérique de l'album est rattrapé par l'empilement sans fin de saynètes sonores qui, au pire, intriguent, au mieux, fascinent. Ainsi "Considering the hypnosis of the stone for Harmony Korine" constitue une évasion quasi-assurée.


Extramusic (IT) - September 2006
Text by Roberto Mandolini
http://extramusic.it/disco/novitadiscografiche361.htm

Concettuale fin dalle intenzioni, l'elettronica sperimentale di Salvatore Borrelli, in arte (etre), conserva lo spirito del primitivismo industriale e si spinge, allo stesso tempo, oltre le frontiere dell'improvvisazione glitch. Materia ostica, non c'è che dire, ma che (etre) sa presentare in modo avvincente, tenendo sempre viva una tensione che sembra non risolversi mai. "A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events" è già il quarto titolo di (etre) dopo un esordio ultralimitato datato 2003 e alcune collaborazioni con altri nuovi agitatori sonori. Borrelli usa chitarre, cetra, percussioni, aninali e insetti (sic), giocattoli vari e processa i suoni con il max/msp: il risultato delle improvvisazioni e degli editino di (etre) è un magma sonoro denso e articolato, che farà la gioia di tutti i fan dei Faust più sperimentali.


One Week To Live (UK) - September 2006
http://www.oneweektolive.com

(etre) is the project of an Italian sound artist that goes under the name of Salvatore Borrelli. Who, if you're into experimental Italian art, you may know from his activity with the collective iXem.

Anyway, "A Post-Fordist Parade in the Strike of Events" is an incredibly diverse affair. It's quite obviously art music, though it will probably appeal to those quirky electronica lovers with a soft spot for the organic cranking of Daedelus' last outing, or the sample-tastic genius of Matmos. Like "The Rose Has Teeth in the Mouth of the Beast" by the Matmos boys, each one of the tracks on (etre)'s debut is dedicated to, or inspired by, artists or characters. Though unlike "The Rose Has Teeth..." where the subject matter was influential and iconoclastic homosexuals, the characters here come from a range of endeavours. For example, "From The Parallel Line, Before and After Me (For Faust)" is a distorted soundscape that resembles the initial fall from grace to purgatory to hell. Think a Warp Records soundtrack to Orpheus. "Dogs From My Childhood: Multiple White (For Thomas Hirschhorn)" is a rather nostalgic and whimsical composition, complete with layered country guitar twangs over atmospheric falsetto stabs and subdued feedback. The standout composition is, however, "Naturalist Tokyo 3.0 (For Michel Houellebecq)", a collection of glitchy tech spikes and hollow sounding synth strings.

Worth a bash if you think you can handle a less accessible Matmos, Cornelius, Squarepusher or even Autechre. (6/7)


Geiger (DK) - September 2006
Text by Steffen B. Pedersen
http://www.geiger.dk/anmeldelser/anmeldelse.php?id=2272

"At være" på fransk. I en parentes og skrevet med små bogstaver. Måske ikke det mest prangende projektnavn for en italiensk lydkunstner, der vil frem i verden, men sådan er det altså hos Salvatore Borrelli - alias (etre) - der nu albumdebuterer på det endnu unge, men fine franske electronica-label Baskaru, som indtil videre også har udgivelser med folk som Ent og Urkuma på samvittigheden. Og han debuterer passende nok med et album, der på én gang er en masse ting og intet overhovedet. A Post-Fordist Parade in the Strike of Events - alene titlen er så abstrakt, at den ikke siger noget - præsenteres som glitch, men forventer man dermed et mylder af fejlstrømme, der krydser hinanden i sindrige mønstre, kan man godt tro om igen. Der trækkes nemlig også i stor stil på samples, field recordings af bl.a. insekter, legetøjsinstrumenter og træk, man normalt forbinder med den mere melodiske ende af electronicaen. Og det hele blandes så sammen i 11 numre, som hver især er dedikerede til kunstnere fra Faust til Harmony Korine, uden at man derved egentlig føler, at man får andet ud af denne parade - efter Gerald Ford, Henry Ford eller John Ford? - end en vag idé om Borrellis netværk af inspirationskilder. Og vag er den, for det udtryk, (etre) når frem til, minder igen ikke om nogen af de kunstnere, der remses op gennem titlerne.

Det er også meget svært at sætte ord på det, uden at man skal til at bevæge sig ud i lange, trættende udredninger omkring, hvordan hver enkelt lyd tager over efter den næste i hvert enkelt nummer. Om man vil, kan man dog godt ane lidt af Fausts fragmentariske, anarkistiske måde at arbejde med musik på i Borrellis opbygninger, hvor loops klippes op i abnorme mønstre, lyde, samples og effekter krydser ind, forvrænges og forsvinder igen og intet synes alt for konstant, selvom hans fokus på repetitionen for det meste tilføjer numrene en næsten meditativ karakter. (etre) er og bliver dog et produkt af den digitale tidsalder, og selvom han kun sjældent benytter sig af egentlige glitch-effekter - den mest udbredte her er at sætte effekter i hastige hak - anvender han i stor stil laptoppens muligheder for at forvrænge, behandle og manipulere sit lydmateriale, der det ene øjeblik kan være en elektrisk guitar, det næste et ensomt vandrende piano og det næste igen et brudstykke af en talestrøm. Ud af det kommer der så en række detaljerede forløb, der sjældent synes at være i nogen egentlig progression, men alligevel skrider fremad gennem subtile bevægelser på de underordnede niveauer. Borrellis lydmalerier er dybere, end dagen har tænkt, og kan de øverste lag være domineret af rolige flows eller til tider ligefrem droner, dukker der konstant - selv efter adskillige gennemlytninger - små, hastige bevægelser frem længere nede i vævet, som holder éns ellers effektivt hypnotiserede bevidsthed i kraftig aktivitet. Hvilket er blot én af denne plades kvaliteter.

Den største er dog, at (etre) formår at bevæge sig ind i et elektronisk udtryksfelt, der er temmelig overfyldt for tiden, og definere noget, der er helt hans eget. Hvad det er? Tja, man kan forsøgsvis beskrive det som en musik, der bugner af overskud, fantasi og en humor, der løbende kommer til syne som et skælmsk smil under arbejdet med råmaterialerne, men netop ikke siger en skid om noget som helst. Ikke engang for alvor sig selv. Den er til, men med små bogstaver og i parentes. Og sært nok er det et plus.


Orkus (DE) - September 2006
Text by Thomas Sonder
http://www.orkus.de

Die Aufnahmen von Salvatore Borrelli sind - mit Ausnahme des chaotischen unbetitelten Stücks - sämtlichst an andere Personen gerichtet oder für sie komponiert. Ein Sein im Nichtselbst? Mitnichten. Mit streckenweise deutlich mehr als nur fragmentierten Vocal-Episoden und Gitarrenpassagen erweiterte Field Recordings ergeben elf äusserst bunte Collagen, deren Hintergründe und Beabsichtigungen bloss schwer erkennbar sind. Wären da nicht die aussagereichen Songtitel, man wäre lange auf verlorenem Posten, doch nie ohne beim Erleben dieses Albums stets etwas Neues zu entdecken. Borrelli ergötzt sich in mannigfaltigen Darstellungen von Zuständen, mit offensichtlichen Mitteln kreiert er geheimnisvolle Geschichten, (w)irre bis sanft-verspielte Soundepisoden voller Rätsel, mit einem Hauch Mystik versehen. Das auf der CD befindliche Video des Non-Albumtracks "Search & Destroy White Calligraphy", musikalisch eher brav und konform, visuell hingegen eine liebevolle Hommage an Spielereien mit nostalgischen Zügen. Im Gesamten ist (etre) zwar extravagant und introvertiert, aber sehr sympathisch. (8)


Sonhors (FR) - August 2006
Text by Coltraz
http://sonhors.free.fr/kronik/(etre).htm

Baskaru explore pour nous la filière italienne ! Dernier émoi en date : (etre) un projet de musique digitale développé depuis janvier 2002 par l'italien Salvatore Borrelli, un artiste sonore connu pour ses installations et performances au Japon (Shinano Art Museum) et en Afrique du Sud (Afrikaanse Taalmuseum), en tant que membre du collectif iXem (Italian Experimental Electronic Music) ainsi que pour ses collaborations avec le décorateur d'intérieur Lin-Kuhn Liao ainsi que le céramiste Fabrizio Quintelmo (projets "C_Velocity_Sound(s)"). Field recordings, amplification du silence, dissonances digitales, percussions et collages divers, la musique de (etre) s'inscrit dans une mouvance très actuelle, mêlant à la fois une approche free/music, glitch et abstractions électroacoustiques. Maniés avec adresse et esprit pop, les modules de synthèse et de traitement sonore fonctionnant en temps réel sous Max/MSP font décidément de véritables petits miracles !

Il y a un je ne sais quoi de Matmos chez cet artiste... son originalité, sa démarche, son goût des expériences sonores et visuelles les plus loufoques ? Sur scène, Salvatore utilise des vinyls incendiés, des plaques de verre, des radios, des néons, des instruments de musique traditionnelle (cithare, guitare acoustique...), son propre corps et évidemment des microphones disposés un peu partout, comme par exemple sous les fauteuils des spectateurs ou encore directement sur les murs afin de développer un procédé qu'il dénomme le "wall-recording".

Actif également dans la presse et sur Internet, vous pouvez retrouver ses écrits dans le magazine italien Cyberzone et le webzine Sands-zine.

Un premier album qui se révèle à chaque nouvelle écoute !


EtherReal (FR) - August 2006
Text by Fabrice Allard
http://www.etherreal.com/magazine/disques/?file=etre_apostfordistparade

Baskaru est un jeune label français, et cet album de (etre), sixième référence du label, est notre premier contact avec celui-ci. Etrangement, presque tous les artistes signés sur Baskaru sont italiens, et (etre), projet de Salvatore Borrelli n'échappe pas à la règle. Membre du collectif italien iXem (Italian eXperimental Electronic Music), Salvatore Borrelli se lance en solo avec (etre) et ce premier long format physique après quelques apparitions sur divers netlabels.

Avec son titre concept sur l'univers de l'entreprise et le travail, avec son nom de projet mis entre parenthèse, (etre) nous inquiète. Pourtant il n'y a pas de quoi. Le concept est peut-être là, mais il peut aussi être mis de côté pour laisser la musique s'exprimer au profit des émotions.
La méthode de composition est souvent la même, basée sur des boucles instrumentales généralement acoustiques, et souvent à base de guitare, qui se répètent de façon chaotique. En effet les machines interviennent, et déstructurent cet ordre établi, cassant le tempo, détériorant ces samples mélodiques juste comme il faut pour apporter variation et une impression de mouvement perpétuel. Musicalement, le résultat peut être très différent d'un titre à l'autre, suivant que la boucle utilisée soit un sample de batterie (From the Parallel Line, Before and After Me), des accords ou mélodies de guitares (Dogs from My Childhood : Multiple White), une sorte d'orgue et un piano en fin de Don't Ask Me Why Rain Becomes Hail, ou encore un banjo apportant une petite touche folk (And You Are Free in the Icon of Neurotic Realism).
Sur tous ces morceaux, Salvatore Borelli parsème quelques artefacts numériques, gargouillis électroniques, vocalises trafiquées, une rythmique binaire judicieusement placée en arrière plan, vrombissements de basses, effet de disque rayé. Le résultat est toujours étonnant, en mouvement perpétuel, comme si la caméra bougeait sans cesse de façon désordonnée tout en restant sur le même sujet. Le mélange d'acoustique et de textures numériques nous fait quant à lui penser à Tim Hecker ou certaines productions de Dwayne Sodahberk.

D'un autre côté (etre) s'essaye à des constructions plus complexes, des découpages sévères rendant quelques pièces plus abstraites ou proches d'une musique concrète : travail sur les voix sur ____________________ et poésie sonore avec What Are We Doing Here ?
Les amateurs d'ambient trouveront enfin leur bonheur avec trois magnifiques pièces. Ambient-noise, construite sur ces mêmes textures granuleuses qui hantent l'ensemble de l'album, noise poppy à la manière d'un Fennesz (période Endless Summer) sur When You Cry for the First Time on This Earth, ou ambient plus épurée avec une boucle électronique hypnotique parsemée de bruitages électroniques et une voix régulière venue d'un pays de l'est (Considering the Hypnosis of the Stone).

A Post-Fordist Parade in the Strike of Events est un disque assez étonnant, mystérieusement envoûtant, chaleureux, et tout à fait accessible. Rien de révolutionnaire ici, mais l'ensemble révèle un travail cohérent et fort bien mené.


Spex (DE) - August 2006
Text by Frank Eckert
http://www.spex.de/

[...] Das gilt auch für "A Post-Fordist Parade in the Strike of Events" von Labelkollege Salvatore Borrelli als (etre). Eine massiv konzeptunterfütterte, künstlerbiographische Weiss-auf-Weiss-Kalligraphie, nicht selten so etwas wie eine popmusikfreie Version der aktuellen Matmos.


Sentire Ascoltare (IT) - July 2006
Text by Gianni Avella
http://www.sentireascoltare.com/CriticaMusicale/Recensioni/2006/recensioni/etre.htm

Conosco Salvatore Borrelli per una serie di Cd-r capitatemi tra le mani nel corso dell'ultimo lustro, dove – anche per ammissione dello stesso autore – il "rumore" che ne scaturiva, riascoltato oggi, suona perlopiù fine a se stesso. Ma quelle erano prove generali obbligate per (etre), che oggi esordisce "ufficialmente" per la Baskaru, label francese dall'artwork singolare (viene in mente la nostrana Snowdonia) che sostiene il Nostro in questo full-lenght, A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events, undici tracce molto interessanti, ognuna con dedica a fronte.

C'è sicuramente un approccio dada all'elettroacustica, un modus inquieto, dna del soggetto, che si contorce in territori scuri, sinistri nei malati drenaggi post-fennesziani (quello di Instrument) dell'apertura Anatomy Of This Faded Flower (For Sarah Kane) e nella successiva From The Parallel Line, Before And After Me (For Faust), laddove l'incedere simil-dub pare proprio di genia Faust Tapes. Ma il nocciolo, occorre ricordarlo, è sofferente e trova ragione d'essere in Dogs From My Childhood: Multiple White (For Thomas Hirschhorn), un folk destrutturato che fa il palio con il jingle, sempre d'entroterra folk, di And You Are Free In The Icon Of Neuroric Realism (For Santiago Sierra).

Come chiusa ci soccorre il grumo isolazionista di When You Cry For The First Time On This Earth (For Antonio Moresco), uno spiraglio melanconico che prelude la traccia video – spassosissima - successiva.

Per irriducibili del suono.


Bodyspace (PT) - July 2006
Text by Miguel Arsénio
http://www.bodyspace.net/album.php?album_id=667

Fosse o glitch um estimulante pornográfico e o vídeo de "All is Full of Love", que Chris Cunningham filmou exemplarmente ao serviço de Björk, seria a mais sublime das suas representações eróticas. Isto porque a homogénea omnipresença do amor no tal teledisco pode ser entendida como um preenchimento de espaço que obriga o glitch a conter-se entre as suas estribeiras de imperfeição. Além disso, o aspecto cromático e luzente adquirido por Cunningham anda longe da cacofonia que associaríamos a um glitch ampliado (as criaturas grotescas de Mat Brinkman ou os Maggots de Brian Chippendale – ambos pilares da cena de Providence, Rhode Island – são expoentes disso mesmo). A desafiante e ainda por amadurecer label francesa, Baskaru, que só agora atinge a meia-dúzia de lançamentos, propõe com os discos de Urkuma e (etre) aproximações distintas a esse nirvana da imperfeição a que se convencionou apelidar de glitch.

[...]

Apesar de ser dedicada a uma notoriedade cada uma das faixas que compõe A Post-Fordist Parade in the Strike of Events, vou-me poupar a um levantamento biográfico exaustivo para contextualizar os exercícios que o artista sonoro Salvatore Borrelli compôs em honra de gente como os Faust ou Harmony Korine (a que já não bastava a dócil faixa que lhe foi dedicada pela diva Kahimi Karie). No que diz respeito a este disco de (etre), importa, sobretudo e de acordo com a direcção que assume esta resenha, considerar os usos que o Salvatore reservou para o glitch. Pode-se dizer que por aqui surge muito mais discreto - escuta-se como a pulsação profunda a um ghost in the shell, age como auxiliar conspirativo a um rol impressionante de elementos electro-acústicos de ambições lúdicas, mas demasiado fragmentados para cumprir tal faceta. O glitch cumpre períodos de ebulição vulcânica (assim acontece no cinemático "Naturalist Tokyo 3.0"), para, logo de seguida, corporizar um Pac-Man faminto que aglutina a cauda de delay a uma repetida guitarra acústica radiante. Além do seu carácter elegíaco, A Post-Fordist parece focado em purificar-se dos seus pessimismos pós-modernos recorrendo a métodos luminosamente folky para as guitarras dedilhadas enquanto última salvação - tal como acontece no dissonante, mas esclarecido, "Dogs From my Childhood: Multiple White". Sendo este um método de recurso que não recusariam uns Espers ou DOPO perante um beco sem saída (os primeiros, por exemplo, rumaram ao lado negro com o recente II). No seu pior, A Post-Fordist é narcisicamente estranho e pretensioso (já que as homenagens são, de facto, dispensáveis). No seu melhor, será um possível disco de culto para os potenciais entusiastas da Itália como próxima capital mundial do glitch que é pau para toda a obra.

A certeza é de que, após a polémica Zidane / Materazzi que gerou o recente Mundial da Alemanha, comove encontrar a França e Itália aliadas numa mesma causa musical. Mais comovem as expectativas que a partir daqui se encontram altas face ao que pode vir a reservar no futuro esta Baskaru que aterrou em 2006 como um OVNI sem matrícula.


Musiklandet (SE) - July 2006
Text by Alex Regnér
http://www.musiklandet.se/ml/index.nsf/1?Open&a=sk&id=53D6662FC743FB74C125718C00820E01

Skräckfilmselectronica

Salvatore Borrelli, den italienska ljudkonstnär som ligger bakom (etre) gör det inte lätt för sig. Det kräver stort tålamod och en total orädsla inför oljud för att lära sig att uppskatta hans verk. Oljud, inte helt olika TV-brus eller det som hade kunnat uppstå om flugor flög i flock och vägde 10 kg var, dominerar ljudbilden på albumets första fjärdedel tillsammans med sönderklippta och mixade röster, som ständigt befinner sig någonstans mitt i samtalet. Frustrerande. Senare börjar "A Post-Fordist Parade in the Strike of Events" att utvecklas till något som mer framstår som ett påtvingat kollage av fragment från dina värsta mardrömmar men det finns också en slags skruvad skönhet i spår som "Don't Ask Me Why Rain Becomes Hail" och "Considering the Hypnosis of the Stone".

Det som skiljer Borrelli från många andra ljudkonstnärer är känslan av att han har ett manifest, att det finns något under och bakom alla störande ljud. Det visar sig också emellanåt då melodier tillåts att, försiktigt, tränga genom kaoset.

Stora delar av "A Post-Fordist Parade in the Strike of Events" känns mest som ett likformigt soundtrack till en japansk psykologisk skräckfilm och som vi alla vet är det ofta så att musiken skrämmer mer än bilderna. Precis så känns (etre). Då är det också väldigt lätt att välja bort.


Neural.It (IT) - July 2006
Text by Aurelio Cianciotta
http://www.neural.it/rec/etre_apostfordistparade.htm

Destrutturazioni feconde quelle dell'italiano Salvatore Borrelli, qui impegnato sotto il moniker (etre) nel dar vita ad un'acuta sintesi d'elettroniche non convenzionali. Tagli glitch, dissonanze, propensione al patchwork digitale, non disdegnando iterate melodie, field recordings, droni e parti di matrice improvvisativa. Questo fondamentalmente il materiale di base dipanato nel corso delle undici tracce audio (più una video, con l'apporto di Giuseppe Chiesa e Virgilio Villoresi). Il risultato è decisamente soddisfacente, si rischia di proprio e con stile, mantenendo desta l'attenzione all'ascolto lungo tutto il corso dell'album.


Sands-Zine (IT) - July 2006
Text by e. g. (no ©)
http://www.sands-zine.com/recensioni.php?IDrec=670

Salvatore Borrelli – aka (etre) – è un collaboratore di sands-zine, e questo dato di fatto potrebbe offuscare quanto scriverò, gettando nella mia recensione l'ombra del 'conflitto d'interessi' (penso si dica così). Ma se consideriamo che scrivendo di musica facciamo del volontariato non retribuito, sia io sia il Borrelli, direi che quella zona d'ombra finisce con il restringersi e con lo schiarirsi assai. C'è poi da dire che sands-zine non riceve finanziamenti in pubblicità da nessuna ditta produttrice o distributrice e che il Borrelli con i proventi della vendita di questo CD, anche se venissero esaurite tutte le copie della tiratura, potrebbe pagarsi al massimo una gita giornaliera ad Ischia, e allora quella zona d'ombra finisce con l'assottigliarsi talmente da restare pressappoco inesistente. Non può esistere un conflitto d'interessi laddove non ci sono 'interessi'. Se in questa occasione sarò particolarmente pignolo, quindi, non è tanto per mettere il culo in salvo da eventuali accuse di favoritismo quanto per rispettare il sano principio che suggerisce una maggiore severità qualora si analizzi il lavoro degli amici.

Ho sempre ritenuto la musica di (etre) folle e caotica, attributi che riflettono il suo carattere e l'odiata/amata Napoli in cui vive, seppure tale follia e tale caos appaiano a tratti lucidi e razionalmente ammaestrati. Contemporaneamente ho sempre apprezzato il suo tentativo di superare una pura estetica glitch, complici anche alcune recenti collaborazioni ed una pratica di ascolti senza frontiere, e in questa occasione si raccolgono i frutti precoci di questo circumnavigare il pianeta dei suoni (sono convinto che i risultati più interessanti, in tutti i campi, derivano dalla contaminazione). Il risultato, nei momenti più definiti, vive in uno stile scoppiettante e brillante che pure mostra lacerazioni e tagli di profonda inquietudine. Ed è proprio nei momenti in cui riesce maggiormente a circoscrivere il caos per lasciar entrare spiragli di armonia, da finestre semiaperte e quindi con continui movimenti di chiaro-scuro, che la sua grafia appare più convincente. Di conseguenza i brani meno convincenti sono quelli poco colpiti da questa nuova forma di 'etrite', come ad esempio il terzo dove par di scorgere il passo degli Ultra-Red. Notevole è, di converso, Dogs from my childhood: multiple white, con gli intrecci di corde che passano dall'arpeggiato ad uno stile slide. E notevoli sono And you are free in the icon of neurotic realism, dove la frase nervosa sottratta alle corde mi ha addirittura ricordato qualche pagina di Joan Armatrading, e When you cry for the first time on this earth, che sembra andarsene alla deriva dalle parti del Tricky 'nearly god'. In mezzo, fra queste vette, momenti discordanti formati da picchi di entità minore e da un limitatissimo carico di zavorra che (etre) si trascina dietro dalla sua vita precedente.

Quasi tutti i brani sono dedicati ad un nome della contemporaneità e credo di intravedere il tentativo di sagomare un feeling che congiunga la personalità creativa di questi artisti con le musiche a loro dedicate. Ne deriva una multimedialità, intrinseca alla musica, che non ha bisogno di accessori paralleli per manifestarsi (ad esclusione di una 'video bonus track' che ripropone l'ormai classico dualismo musica elettronica/immagini).

Quindi il giudizio su questo primo CD di (etre) - i lavori precedenti erano di fatto dei CD-R autoprodotti - è largamente positivo, anche se penso che per lui sussistano ancora dei larghi margini di miglioramento e di ulteriore personalizzazione del suono (in poche parole si tratta di una Testa che può fare, e soprattutto sorprendere, ancora di più). E quindi, 'felicidad', questo è uno di quei classici dischi che si calano all'interno di un progetto (da rivalutare) in divenire.

Come non considerare, infine, l'appartenenza ad un processo di crescita complessivo della musica sperimentale italiana. Il disco esce infatti per Baskaru, il marchio francese ormai dedito alla pubblicazione di materiali 'made in italy', e conclude la trilogia completata da Ent e Urkuma. Per festeggiare e promuovere l'evento nel sito dell'etichetta sono stati messi temporaneamente in vendita i tre CD a soli 34 Euro (spese di spedizione incluse). Se siete interessati mi sembra un'occasione da non perdere.


Rumore (IT) - July 2006
Text by Vittore Baroni
http://www.rumoremag.com/

La giovane etichetta francese Baskaru (www..baskaru.com) si è già segnalata all'attenzione dei cultori di nuove elettroniche coi suoi primi titoli, confezionati in variopinti digipack a più ante. Prodotti che riguardano, forse non per caso (nemo propheta in patria?), artisti italiani di un certo interesse: Fuck Work degli Ent (Michele Scariot e Emanuele Bortoluzzi) è un caldo e avvolgente frullato di glitchtronica, turnabulism, drone e post-rock, mentre Rebulding Pantaleone's Tree di Urkuma (Stefano De Santis) "sonorizza" in versatile chiave improvvisativa etno-ambient il pavimento a mosaico della Cattedrale d'Otranto. Il più accattivante del lotto è però il debutto del progetto (etre) di Salvatore Borrelli, membro anche del collettivo iXem: undici eclettici quadretti sonori con dedica (più una densa clip video di animazione) che conducono l'estetica del lap-top su territori poco frequentati, dove riescono a convivere glitch e melodia, insolite texture ritmiche e loop plunderfonici, strumenti tradizionali e cut-up digitale.


Infra Tunes (FR) - July 2006
Text by Grisli
http://www.infratunes.com/chronique-album_22468_(etre)_A%20Post-Fordist%20Parade%20In%20The%20Strike%20Of%20Events.html

Premier enregistrement d'(etre), A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events défend une musique electroacoustique proche de n'être qu'electronica. Qui sectionne quelques mélodies, use largement de collages sans concessions, pour ériger enfin un foutoir ludique et permissif.

Après avoir enregistré quelques arpèges de guitare, programmé pas mal de rythmes vifs, et samplé ici ou là, Salvatore Borrelli s'attaque à ses collages. Brutaux, la plupart du temps, chargés d'intentions contradictoires mais convaincants au final. Expérimentant ici (un langage filtre sans chercher à ce qu'on le comprenne, des grincements glissent et forment fioritures), (etre) se pose ailleurs le temps de rendre un air possible à retenir.

L'auditeur passe alors d'illusion en illusion - celles d'une electronica déchaînée et d'une autre downtempo, toutes désuètes mais grisantes. Combinaisons valant celles d'Ekkehard Ehlers ou Greg Davis, sans toutefois amener davantage au propos que la primeur de la nouveauté. Entretenant de façon désinvolte la lutte expiatoire.


Terz (DE) - July 2006
Text by Honker
http://www.terz.org/texte/texte_0708_06/honker.html

Das Debut des italienischen Klangkünstlers, der auch beim Kollektiv iXem tätig ist, bietet 11 sehr eigenwillige digitale Texturen, die Biografien von Sarah Kane, Faust, Harmony Korine oder Houellebecq gewidmet sind. Achtung: keine prätentiöse Art-School-Sause fürs alternative Feuilleton, sondern atmosphärisch sehr genaue wie vielfältige und eher ruhige und unaufdringliche Klangszenarien, die konzentriert sind ... und nebenbei intensive Kräfte entfalten.


Disc-Jockey.It (IT) - July 2006
Text by Giosuè Impellizzeri
http://www.disc-jockey.it/2/index.php?m=single&id=370

L'epoca del laptop, dei computer portatili, degli iPod nelle tasche di ogni ragazzino: è questo il futuro che negli anni sessanta gli scrittori di fantascienza si divertivano a ritrarre come un mondo condotto da cervelli elettronici e caratterizzato da cieli tagliati dal traffico di astronavi.

Sebbene non sia andata esattamente così (anche se il videotelefono ormai è una realtà), il mondo odierno è notevolmente cambiato e tutto il suo mutamento viene riversato nell'album d'esordio di (etre), progetto dell'artista italiano Salvatore Borrelli, già attivo e ben conosciuto nel campo delle arti sperimentali.

Il lavoro, che s'intitola "A Post-Fordist Parade In The Strike Of Events" e che esce sulla piccola label francese Baskaru, è un autentico mosaico di frammenti di suoni impazziti e legati da un non-senso concettuale avanguardista. Borrelli intinge i suoi 'pennelli' nel glitch 'dipingendo' opere sonore che hanno dell'imprevedibile, la medesima qualità che si avvertiva già quando militava nel collettivo iXem con le collaborazioni col decoratore Lin-Kuhn Liao e col ceramista Fabrizio Quintelmo.

Il lavoro di (etre) è incredibile e talmente immerso nel futuro che risulta davvero complesso dargli una precisa collocazione stilistica. La sensazione che si avverte ascoltando le undici tracce racchiuse in esso è quella di un vecchio vinile che salta in continuazione a causa della polvere nei suoi solchi. Un disco dimenticato in soffitta per anni e che ora viene tirato fuori per pulsare ancora come un cuore con le sue sistole e diastole.

(etre) si ricollega all'estetica post-industriale già affrontata diversi anni addietro dalla label capitolina Idroscalo (quella guidata da Anna Bolena) e il post-fordismo racchiuso nel titolo ne è una sicura testimonianza. Poi i fantasiosi titoli ("Anatomy Of This Faded Flower", "Luego Existe", "Naturalist Tokyo 3.0" ed "And You Are Free In The Icon Of Neurotic Realism") rendono ancor meglio il concetto di un suono frammentato e distribuito in samples vorticosi.

Sul cd, racchiuso in un colorato artwork a firma di Sharkymonster, troverete anche il video di "Search And Destroy White Calligraphy" realizzato da Virgilio Villoresi e Giuseppe Chiesa.


Technodisco (IT) - July 2006
Text by DJ GIO MC-505
http://www.technodisco.it/musica-techno-house532.html

Dietro (etre) c'è l'italiano Salvatore Borrelli, già noto nel campo delle arti sperimentali. Il suo album d'esordio è un autentico mosaico di frammenti di suoni impazziti e legati da un non-senso concettuale avanguardista. Borrelli intinge i suoi 'pennelli' nel glitch 'dipingendo' opere sonore che hanno dell'imprevedibile, del sapore post-industriale che già s'apprezzava anni fa con la capitolina Idroscalo di Anna Bolena. L'underground italiano viene però promosso da una piccola label francese, la Baskaru.


Chain D.L.K. (US) - June 2006
Text by Andrea Ferraris
http://www.chaindlk.com/reviews/index.php?id=2853

Hey, there're two remarkable points concerning Baskaru catalogue so far: one is the fact at the moment the label seems to be a kind of italian colony, but second and most important, the high quality of their releases is surprising. I was amazed by Ent but with Urkuma and (etre) I'm unquestionably convinced the label is one of the most interesting european electronic oriented one. Coming down to (etre), the "freeglitch" word in the net address and the beginning of the cd could be a good suggestion "glitch" is one of this musician's favourite weapons, but he's been able to work differently from the average pointless glitchy release. In "A post fordist..." glitches are nothing but a platform from where to leave to get somewhere/nowhere, cyclical structures quite often get violently stopped or are subjected to a gradual transformation, the juxtaposition of glitches and psychedelic (?) influences helps to digest what otherwise could result obsessive. Yes, as you can guess the most of the tracks have a definite rhythmical cut, but (etre) added melody (he's italian for God' sake!!). Great production, good taste and some intense tracks (Considering the hypnosis of the stone, When you cry for the first time on this heart) after some private and net release that's a confirmation for those who believe it in his qualities.


Bad Alchemy (DE) - June 2006
Text by ???
http://www.badalchemy.de

Das französische Label scheint ein Faible für Italiener zu haben, präsentiert es doch neben ENT (Bad Alchemy #50) auch noch Stefano De Santis und Salvatore Borrelli.

Borrelli, der auch für Cyberzone und das Web-Journal Sands-zine schreibt und Mitglied des iXem-Kollektivs ist, hat sich für seine (post)-digitale Musikkreation den Namen (etre) zugelegt und bisher mit kunstvoll visualisierten CD-Rs in Kleinstauflagen bemerkbar gemacht, Le Désastre. L'Humanite! (Monochrome Block Circuits) und L'apres, l'(a)-Dieu (40mt, under) zusammen mit Fabio Orsi. Mit gleicher Sophistication bestückte er auch A Post-Fordist Parade in the Strike of Events (karu:6). Widmungen an die Dramatikerin Sarah Kane, an Faust, die Autoren Michel Houellebecq und Antonio Moresco, die Filmemacher Harmony Korine und Sharunas Bartas und an zeitgenössische Bildende Künstler wie Thomas Hirschhorn, Giuseppe Gabellone, John Bock ( wie DADA, als hätte es ein 80jähriger gemacht) und den ‚Gaskammer'-Macher Santiago Sierra unterstreichen den Highbrow- und Inside-Anspruch. Borrelli bewegt sich in diesen Kreisen mit Max\MSP-programmierten Mixadelics aus Gitarrenklängen, Percussion, Stimmsamples, Spielzeug- und Insektengeräuschen, in Form gebracht zu etwa‚ Anatomy of this faded flower', ‚From the parallel line, before and after me', ,Considering the hypnosis of the stone' oder das kurze Cut-Up-Daumenkino ‚___________'. Vielbeinige Looprepetitionen, meist von blinkenden Gitarren, werden mehrspurig umkurvt von Klangschlieren, sind durchschossen und durchschlitzt von Noisegraffitis, umtüpfelt von Beats. Regelmässige Muster werden durch die Mehrschichtigkeit komplex und opulent, speziell wenn orchestrale Samples eingeblendet sind wie bei ‚Don't ask me why rain becomes hail'. Selbst renommierte Laptopfolkloristen wie Greg Davis oder Tim Hecker schafften es selten, eine derartige wie vom Fliessband laufende Parade von Klangereignissen auszufalten. Borrellis Affinitäten zur Welt der Kunst finden ihren Widerhall in einer Verschmelzung von Minimalismus und Vielfalt, Repetition und Collage. Meine anfängliche Skepsis, angestossen durch den prätentiösen überbau und das sonntagsmalerische Digipagdesign, ist längst abgewickelt. Diese ‚post-Fordistische' Electronica hat Hand und Fuss, auch wenn ich mir mit dem ‚post' nicht so sicher bin.



» Back to top...
» Back to karu:6 release page...